Ex Falck, "il tempo passa e gli inquinanti continuano imperterriti a contaminare le falde acquifere e le coltivazioni limitrofe"

Il comunicato a firma del Comitato Salute e Ambiente Lago e Valli

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato a firma del Comitato Salute e Ambiente Lago e Valli relativo alla situazione dell'area ex Falck di Novate Mezzola.

"Il nostro primo appello risale all’anno 2014. Ad esso ne sono susseguiti altri e l’attenzione dell’Autorità Giudiziaria sull’argomento è stata, sin da subito, elevata.

E’ stato aperto un fascicolo; è stata svolta un indagine minuziosa con impiego di ingenti risorse; a più’ riprese sono state eseguite acquisizioni di atti pubblici sino all’aprile scorso, allorquando è intervenuto il sequestro penale dei piezometri e dei presidi facenti parte della rete di monitoraggio utilizzata a suo tempo da ARPA e dalla Provincia al fine dell’ottenimento della certificazione di avvenuta bonifica del sito. Non ultima, l’effettuazione di una serie di campionamenti che ha dato origine ad evidenze scientifiche che oggi potrebbero realmente fare la differenza sulla sorte della vicenda più complessa, annosa e di rilievo che in Valchiavenna ed a livello provinciale sia mai stata affrontata. Ora più che mai ci interroghiamo sull’esito di questa indagine, frutto dell’impegno costante dimostrato dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Forestale dei Carabinieri su incarico della Magistratura, volta a fare sì che si possa finalmente far luce sulla vicenda legata all’ex Falck di Novate Mezzola. Da ciò dipende non solo la salvaguardia della salute e dell’ambiente, ma anche la sorte della riserva del Pian di Spagna e del potenziale che essa rappresenta nel contesto Valchiavennasco e dell’Alto Lario. Il tempo passa e gli inquinanti continuano imperterriti a contaminare le falde acquifere e le coltivazioni limitrofe? questi sono gli aspetti su cui non abbiamo mai smesso di focalizzare l’attenzione e che sicuramente non sono stati sottovalutati da chi ha compiuto le indagini.

Sì, la preoccupazione è grande, considerato che, immediatamente a valle dell’insediamento ex Falck, sono ubicati il lago di Novate Mezzola e l’omonimo lido balneare ed in zona vengono svolte attività agricole ed ittiche.

Pur essendo fatto noto che il PM incaricato dell’indagine – Dott. Giacomo Puricelli – sia recentemente stato assegnato ad altra sede e che, al momento, non sia conosciuto il nominativo della magistrato a cui fa capo il procedimento in questione, siamo convinti che la Magistratura metterà a frutto l’immane lavoro sino ad oggi svolto, al fine di soddisfare l’interesse delle oltre 4000 persone che, nel 2015, hanno formalmente manifestato la loro preoccupazione. Il nostro Comitato, sempre “sul pezzo”, provvederà, nei prossimi giorni, ad inoltrare formale richiesta all’A.G. diretta ad ottenere informazioni sull’andamento delle indagini svolte e, possibilmente, sugli esiti delle stesse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna la neve, c'è l'allerta in codice giallo per la provincia Sondrio

  • Treni, da gennaio nuovi convogli per la ferrovia della provincia di Sondrio

  • Ossigeno per Santa Caterina Valfurva: apre la bretella comunale per "superare" il Ruinon

  • Macabra scoperta a Sondrio: uomo trovato morto dopo diversi giorni

  • Un po' di Hollywood in Valgerola, Stanley Tucci nella valle orobica

  • Infezione di paratubercolosi in un allevamento della Valposchiavo: abbattute 145 capre

Torna su
SondrioToday è in caricamento