Colorina, lavoro nero al centro d'accoglienza: maxi multe

Sanzionato il legale rappresentate della società

A seguito dei numerosi interventi di polizia giudiziaria, effettuati da Reparti dipendenti del Comando Provinciale Carabinieri di Sondrio, presso il “Centro di prima accoglienza dei cittadini stranieri temporaneamente presenti sul territorio” di Colorina, in via Tamuscia nr. 6, gestito dalla società Villa dei Tigli srl., al fine di verificare l’osservanza nei confronti del personale occupato delle norme che tutelano le condizioni di lavoro e la sicurezza del luogo di lavoro, in data 15.10.2016 personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Sondrio, effettuava accesso ispettivo presso la predetta struttura di accoglienza.

In quella occasione venivano identificati due lavoratori “in nero” di nazionalità italiana ammessi al lavoro rispettivamente uno con la mansione di coordinatore e responsabile di struttura ed uno con la mansione di addetto alle pulizie; veniva inoltre identificato un lavoratore, anch’esso di nazionalità italiana, irregolare poiché assunto con un contratto di lavoro con mansioni diverse da quelle effettivamente prestate.

Nella medesima occasione si raccoglievano, altresì, elementi utili ad accertare l’irregolare posizione di lavoro di un terzo lavoratore “in nero”, di nazionalità nigeriana, sebbene all’atto dell’accesso ispettivo non fosse presente presso la struttura; lo stesso, in possesso di regolari documenti di soggiorno, è risultato essere non un “ospite alloggiato” presso la struttura di accoglienza, bensì un lavoratore “in nero” ammesso al lavoro in qualità di interprete, accompagnatore e mediatore culturale.

Dalla verifica delle banche dati in possesso al personale operante non si era in grado di verificare la regolare posizione di lavoro dei dipendenti sopracitati e, seppur scaturendo i presupposti per l’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale ai sensi dell’art. 14 del Dlgs 81\2008, non veniva adottato il predetto provvedimento; si procedeva tuttavia ad allontanare dal luogo di lavoro i soli dipendenti “in nero”, in attesa della completa regolarizzazione del loro rapporto di lavoro a tutti gli effetti.

E' necessario precisare che il provvedimento di sospensione, però,  non è stato adottato in quanto la società in esame aveva stipulato in data 14/09/2015 con la Prefettura di Sondrio una Convenzione per la messa a disposizione di posti straordinari per la prima accoglienza dei cittadini stranieri temporaneamente presenti sul territorio nazionale, pertanto la sospensione dell’attività avrebbe comportato evidenti problemi di ordine pubblico, in quanto gli “ospiti alloggiati” non sarebbero stati sottoposi ad alcun controllo.

Per quanto sopraesposto, a conclusione dell’attività ispettiva del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Sondrio, veniva sanzionato il legale rappresentate della società in esame, per:
 aver impiegato nr. 3 (tre) lavoratori “in nero” e nr. 1 (uno) lavoratore irregolare per un totale di 57 (cinquantasette) giornate di lavoro in nero;
 aver evaso contributi INPS per un importo di euro 2.368,00 (duemila/368);
 aver violato la normativa giuslavoristica prevista dall’ art. 3 d.l. 12/2002, comma 3 (maxi sanzione lavoro nero); art. 4 bis c.2 d.lgs 181/2000 (omessa consegna della lettera di assunzione); art. 116 comma 8 lett. b) l. 388/2000 (evasioni contributive) per un importo complessivo di euro 9.500,00 (novemila/500), relativo a nr. 5 (cinque) sanzioni amministrative.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti in città, ladri in azione a Sondrio

  • Attualità

    È la Giornata Mondiale Sindrome di Down: per l'edizione 2019 una campagna di sensibilizzazione e l'iniziativa "Calzini spaiati"

  • Attualità

    Mauro Corona continua la sua battaglia: «Non andate a macellare la Val di Mello»

  • Economia

    Inaugurata la nuova sede degli Enti Bilaterali

I più letti della settimana

  • Nessuno ritira il primo premio del Concorso di Natale? I commercianti la regalano a Cancro Primo Aiuto

  • Sei imprenditori di Sondrio e Lecco salvano Tele Unica

  • Sondrio, il Comune vuole il night club sotto il Teatro Sociale

  • Poliziotto cade da un muretto di 3 metri mentre insegue un sospettato, ferito

  • Val di Mello, la "Lega per i diritti delle persone con disabilità" contro il linguaggio della petizione

  • Tornano gli autovelox sulla Statale 38

Torna su
SondrioToday è in caricamento