Ecco perché muoiono tante volpi in Valchiavenna

Desta preoccupazione il virus del cimurro, altamente pericoloso per tutti i canidi

Foto archivio

Se ne contano almeno una dozzina ma potrebbero essere molte di più. Sono le volpi ritrovate senza vita nelle ultime settimane in Valchiavenna, tra Villa di Chiavenna e Piuro, vittime del cimurro, malattia infettiva contagiosa estremamente pericolosa per i canidi. Una vera e propria moria che desta preoccuopazione nella valle del Mera vista l'alta trasmettibilità della malattia e la vicinanza ai centri abitati delle carcasse degli animali.

L’allarme è serio visto che l'animale malato tende ad avvicinarsi ai centri abitati e diviene anche molto aggressivo e pericoloso. Il contagio avviene attraverso l’urina, le feci e la saliva di animali infetti.  Ad esserre colpito dal virus è il sistema nervoso e i sintomi vanno dall’anoressia alla febbre altissima, dalla disidratazione all’inappetenza fino alla diarrea emorragica.

Un problema che desta molta preoccupazione. Per questo sono stati presi letteralmente d'assalto i veterinari della zona, contattati da diversi padroni di cani spaventati. Non ci sono rischi per l’uomo e nemmeno per i gatti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morbegno, si sente male nei boschi: paura per una ragazza

  • Politica

    L'astensione fa paura: l'appello dei candidati sindaci del sondriese ad andare a votare

  • Attualità

    La ciclovia tra Valtellina e Valcamonica diventa realtà

  • Attualità

    Aumentano i turisti a Sondrio: +45% nel 2018

I più letti della settimana

  • Moto contro camion: gravissimo 16enne sulla SS 39

  • Guardia Costiera in Valtellina: sequestrati 1.300 kg di pesce avariato

  • Troppa neve sul Passo Gavia: corsa contro il tempo per il Giro d'Italia

  • Lite a Tirano, strappato a morsi l'orecchio di un 37enne

  • Si nascondeva in Valtellina: arrestato latitante

  • A Sondalo centrato il "5" del SuperEnalotto: 70mila euro in arrivo

Torna su
SondrioToday è in caricamento