Porte aperte per la centrale idroelettrica di Boffetto: 100 anni di energia dell'acqua

Domenica apre le porte al pubblico lo storico impianto Enel Green Power di Boffetto per festeggiare insieme alle famiglie del territorio 100 anni di produzione di energia pulita.

Domenica 17 settembre 2017, dalle ore 10:00 alle 17:30, Enel Green Power apre le porte della Centrale idroelettrica di Boffetto (SO), in Valtellina, in occasione del centenario dell’impianto che, dal 1917, produce energia pulita per il Paese.

L'iniziativa rientra nell'ambito del programma "Centrali Aperte", attraverso il quale Enel Green Power - divisione energie rinnovabili del Gruppo Enel - da anni apre le porte delle sue centrali per far conoscere al pubblico come viene prodotta l’energia elettrica dall’acqua, presentando il patrimonio tecnologico di grande rilievo custodito all’interno di queste “fabbriche dell’energia”. Si tratta di un’occasione unica per visitare gli impianti con i tecnici specializzati Enel Green Power e scoprire le tante iniziative realizzate nel segno dell’innovazione e della sostenibilità.

Sarà una domenica speciale, un viaggio nel tempo tra energia pulita, sostenibilità ambientale e territoriale, passione e spirito di squadra che ben rappresentano i cent’anni di storia della centrale di Boffetto e l’attività sul territorio di Enel Green Power. Gli ospiti saranno accompagnati prima nel passato, dove attraverso splendidi scatti fotografici potranno rivivere un secolo idroelettrico ripercorrendo la storia dell’impianto. Poi, in questo affascinante percorso, in cui tradizione e innovazione si incontrano, saranno ricondotti nel presente dai tecnici di Enel Green Power che, grazie alla loro esperienza, guideranno i visitatori alla scoperta della produzione idroelettrica, del funzionamento della centrale e delle nuove tecnologie installate.

Tra le numerose attività che Enel Green Power ha pensato per questa giornata, sarà possibile assistere ad una rievocazione storica con costumi originali dell’epoca, degustare i prodotti tipici locali e per i più piccoli saranno organizzate attività di animazione e laboratori didattici. E per concludere, dalle ore 18:00 l’energia di Enel incontrerà l’energia messa in scena dal concerto “Colours Live 2017” dei Colours, il giovane e promettente gruppo musicale della valle.

Siamo orgogliosi di trascorrere con le famiglie del territorio questo giorno molto importante per Enel Green Power e per la centrale di Boffetto che in questi cento anni ha prodotto ininterrottamente energia elettrica pulita e rinnovabile – afferma Paolo Tartaglia, Responsabile Enel Green Power per la Lombardia – Una giornata all'insegna della storia, della cultura, dell'energia e del tempo libero vissuta in una tra le più belle fabbriche di energia sostenibile del territorio. Come agli inizi del ‘900, quando i nostri padri hanno costruito le prime centrali per la produzione di energia elettrica sfruttando appunto l’acqua, oggi la fonte idroelettrica è al centro della nostra visione strategica per garantire al Paese e alla Lombardia un futuro energetico sostenibile ed innovativo”.

L’IMPIANTO

La centrale di Boffetto (Piateda – SO) è stata progettata all’inizio del ‘900 dall’ingegnere Carlo Mina e costruita nel 1917. Si tratta del primo impianto realizzato a Piateda e rappresenta oggi un prezioso esempio di archeologia industriale per la Valtellina. L’edificio si distingue infatti per le sue eleganti decorazioni in stile liberty che ne caratterizzano la facciata e le sale interne, a testimonianza della grande attenzione dei progettisti che hanno saputo unire, alla funzionalità dell’impianto, una particolare attenzione all’estetica dell’edificio.

Nel 1991 l’impianto è stato completamente rinnovato e automatizzato e, grazie all’installazione di tecnologie innovative, è telecomandato dal centro di teleconduzione di Sondrio.

La centrale ad acqua fluente, utilizza le acque del fiume Adda, derivandole dallo sbarramento posto in località Baghetto. L’acqua giunge alla centrale attraverso una galleria di derivazione lunga circa 4.200 m alimentando la vasca di carico, che ha una capacità di 1.400 mc, da cui si dipartono le 3 condotto forzate.

Grazie ad un salto di 44,5 metri e alle 3 turbine l’impianto garantisce una producibilità media annua di 73 GWh, in grado di soddisfare il fabbisogno energetico annuo di circa 32 mila famiglie ed evitare l’emissione in atmosfera di 38.600 tonnellate di CO2 rispetto ad una analoga produzione che utilizzi combustibili fossili.

Foto 1-5

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Incendio sul treno: tratta Tirano-Milano in tilt

  • Cronaca

    Melloblocco 2019, Il Consorzio Turistico Valtellina di Morbegno è disponibile a farsi carico dell'organizzazione

  • Cronaca

    Roberto Formigoni in carcere a Bollate

  • Economia

    Tirano, SO.LOG compie 100 anni

I più letti della settimana

  • Valtellina in lutto per la morte di Nicolas

  • Spaccio di droga in Valtellina, nei guai 25 richiedenti asilo

  • Traona, violento frontale sulla strada per Mello

  • Tragedia sui binari della Milano-Tirano: investimento in stazione, un uomo perde la vita

  • Tragedia sul Legnone, 44enne precipita e muore

  • In moto senza patente causa un incidente: nei guai 32enne valtellinese

Torna su
SondrioToday è in caricamento