Caos treni, accese proteste in Valchiavenna: studenti perdono la giornata di scuola

Le parole di Michele Fedele, referente del settore trasporti della CISL di Sondrio


In mattinata sono state numerose le segnalazioni alla CISL di Sondrio, soprattutto da parte di madri della Valchiavenna, esasperate dall'ennesimo disagio che hanno dovuto sopportare i loro figli, studenti presso istituti scolastici di Sondrio e di Morbegno.

Questa mattina, infatti, il treno da Chiavenna delle 6,25, con arrivo a Colico alle 6,56, ha registrato un notevole ritardo (sembrerebbe per malfunzionamento di un passaggio a livello) tale da far perdere la coincidenza a Colico con il treno regionale delle 7,02 ai numerosi studenti diretti a Morbegno e Sondrio. Inoltre, come se non bastasse, il treno successivo, ossia il diretto Milano  Tirano atteso a Colico per le ore 7,48, ha registrato un ulteriore ritardo tale da non permettere agli studenti di raggiungere le scuole in tempo utile per partecipare, seppur in ritardo, alle lezioni.

Pertanto, molte mamme hanno espresso alla CISL il loro enorme malcontento accompagnato da una forte preoccupazione per un anno scolastico che si annuncia difficile per via dei disagi ferroviari che si prevedono numerosi anche per il prossimo futuro.
Infatti, così come la CISL di Sondrio ha da tempo evidenziato, nulla lascia intendere che la situazione di emergenza attuale possa avere termine in tempi ragionevoli e ciò aggrava una vera e propria situazione di stress che da tempo affligge i pendolari delle nostre linee.
Il pendolare, infatti, già subisce un disagio per il sol fatto di dover impiegare in viaggio gran parte del tempo della propria quotidianità, se poi si aggiungono ulteriori problemi dovuti ai ritardi o alle cancellazioni delle corse, il disagio assume una connotazione preoccupante tale evidenziare una vera condizione di stress anche con risvolti di natura patologica. 

Peraltro, se questa condizione coinvolge ragazzi in età formativa, è capibile la preoccupazione dei genitori in quanto è posto in serio rischio il profitto scolastico. 

La CISL di Sondrio ritiene che, per migliorare il nostro trasporto ferroviario, oggi non basta solo ipotizzare miglioramenti per il futuro a seguito di nuovi assetti aziendali, serve, al contempo, agire per affrontare l'emergenza attuale attraverso una manutenzione costante del materiale rotabile e della linea ferroviaria, oltrechè assicurare il raggiungimento della destinazione attraverso mezzi sostitutivi prontamente reperibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riteniamo, infatti, che i disagi permarranno anche nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, pertanto, è necessario un piano specifico per affrontare l'emergenza e ridurre i disagi oramai insostenibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

  • Droga già in dosi e contanti nascosti nel bagagliaio, arrestati tre giovani del Sondriese

  • L'ospedale Morelli di Sondalo sempre più centro covid-19, anche dopo l'emergenza

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna si muore ancora: 4 decessi nell'ultima giornata

  • Coronavirus, le parole di Fontana: «Mascherine fino a quando non ci sarà un vaccino anti-covid»

Torna su
SondrioToday è in caricamento