Padre e figlio cacciatori di frodo: denunciati

Sequestrati armi,munizioni e pure l'auto

i Carabinieri della Stazione di Ponte in Valtellina, la notte scorsa, hanno deferito in stato di libertà due residenti della Valle accusati, in concorso di porto abusivo di armi, detenzione abusiva di munizioni, nonché di alterazione di armi, caccia con mezzi vietati e esercizio della caccia sparando da autoveicoli.
I militari, durante un controllo del territorio, notavano i fari di unautovettura che lentamente si dirigeva in località Prasomaso del comune di Tresivio. I militari la seguivano fino a quando il mezzo non fermava la sua marcia, ormai all 01:00 di notte, nella località boschiva di Sanatori. I due spegnevano il motore della macchina e, al buio, rimanevano in attesa, spaventandosi e stupendosi della presenza dei carabinieri che si avvicinavano al mezzo. I militari identificavano B. M.  del 62 e il figlio N. del 90  che imbracciava ancora la carabina basculante. La perquisizione, personale e veicolare, permetteva il rinvenimento di un silenziatore artigianale, unottica, vari coltelli, munizionamento, due radio ricetrasmittenti, torce, binocoli, un telemetro, attrezzi tutti impiegati per lesercizio della caccia di frodo. Nella successiva perquisizione domiciliare, i Carabinieri, trovavano munizionamento non regolarmente detenuto e per questo sequestrato. Anche il mezzo utilizzato era ben adibito per la caccia da  frodo: il portabagagli, reso più ampio dopo aver ribaltato i sedili, era munito di un vassoio dai bordi alti nel quale sarebbe stato posizionato lanimale coperto poi da un telo di plastica.
Per i due cacciatori di frodo non solo è scattata la denuncia a piede libero ma venivano cautelativamente ritirate tutte le armi e il munizionamento regolarmente detenuto per labuso delle armi e del porto requisiti richiesti per il rilascio del porto di fucile; venivano segnalati alla locale Prefettura e Questura per la proposta di provvedimenti inerenti la detenzione di armi e munizionamento, nonché gli venivano contestate le violazioni amministrative in materia di esercizio dellattività venatoria.
Tutto il materiale rinvenuto, compreso lauto, reputata il mezzo per commettere il reato, veniva sequestrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

  • Droga già in dosi e contanti nascosti nel bagagliaio, arrestati tre giovani del Sondriese

  • Coronavirus, ancora casi nelle case di riposo della provincia

  • Sondrio, giovane denunciato per aver falsificato i controlli antidroga con un particolare kit

  • Coronavirus, le parole di Fontana: «Mascherine fino a quando non ci sarà un vaccino anti-covid»

Torna su
SondrioToday è in caricamento