Fermati bracconieri senza documenti in un'area protetta: denunciati due anziani a Grosotto

Nei guai S.P.A., classe ’49, e R.G., classe ’38, sorpresi dagli agenti di polizia con le armi in mano

Immagine archivio

Era domenica 13 ottobre 2019 quando la Polizia di frontiera di Tirano, su indicazione del comando di Polizia provinciale, ha raggiunto e sorpreso due uomini, S.P.A., classe ’49, e R.G., classe ’38, mentre stavano pratincando attività di bracconaggio all'interno dell'area protetta in località Piazz, all'interno del territorio del Comune di Grosotto.

A fa scoprire i due fuorilegge alcuni escursionisti, preoccupati da alcuni colpi di arma da fuoco uditi a poca distanza.

I due, sorpresi con le armi ancora in pugno, sono stati denunciati e, oltre che per il reato di bracconaggio, dovranno rispondere, rispettivamente: il primo per porto abusivo di armi da fuoco, in quanto sprovvisto del titolo autorizzatorio per praticare la caccia e strumenti atti ad offendere perché trovato in possesso di due coltelli, mentre il secondo per omessa custodia di armi. Al secondo, inoltre, gli agenti della Divisione P.A.S. della Questura di Sondrio hanno ritirato il porto d’armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • La neve continua a scendere a Livigno, Passo della Forcola chiuso definitivamente per l'inverno

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

Torna su
SondrioToday è in caricamento