Spaccio di cocaina, arrestati due giovani a Colico

In manette sono finiti un 29enne e un 30enne scoperti dai carabinieri con 4 grammi di sostanza stupefacente e 2.212 euro in contanti frutto dell'attività illecita

I soldi e la droga sequestrati

Due cittadini stranieri sono finiti in in manette per spaccio di sostanze stupefacenti. L'arresto è scattato nella giornata di martedì 4 febbraio, nel centro cittadino di Colico, grazie a un'operazione dei reparti del Comando Provinciale Carabinieri di Lecco che stanno proseguendo l'attività di contrasto allo spaccio di droga, con particolare riferimento alla zona dell’Alto Lago. 

Ad entrare in azione sono stati in particolare i Carabinieri del Comando di Colico che, nel corso di una serie di attività di controllo del territorio hanno tratto in arresto J. M., 30enne, e A.A., 29enne, entrambi cittadini del Marocco, irregolari sul territorio nazionale, con l'accusa di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari hanno intercettato un’autovettura guidata da un cittadino italiano, residente nella provincia di Monza Brianza, sulla quale viaggiavano anche i due cittadini marocchini che sono risultati irregolari sul territorio nazionale.

A seguito delle perquisizioni personali i militari hanno scoperto che i due stranieri si trovavano in possesso di 4 grammi di cocaina e di 2.212 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di spaccio, nonché di due telefoni cellulari.

Nella giornata di mercoledì 5 febbraio le due persone arrestate sono state condotte presso il Tribunale di Lecco per il giudizio direttissimo a seguito del quale il Giudice, nel convalidare l’arresto, ha disposto il divieto di rientro nella provincia lecchese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Valchiavenna, Della Bitta: «Raccomando calma e responsabilità»

  • Frontale sulla Valeriana: grave un ragazzo

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: ora sono 27. Morta una donna

  • Di nascosto vendeva superalcolici a giovanissimi: denunciato barista del centro di Morbegno

  • Ubriachezza, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale: richiesto il rimpatrio di tre giovani nel Morbegnese

  • Coronavirus, i casi salgono a sei: gravissimo un 38enne, si teme un focolaio

Torna su
SondrioToday è in caricamento