Ponte in Valtellina: ai domiciliari l'uomo che è entrato in caserma con una pistola carica

Sul 48enne di Piateda pendono le accuse di lesioni, minacce, percosse e porto abusivo d’arma, tutti reati aggravati. Stralciata l'accusa di tentato omicidio

L'uomo che ha fatto irruzione nella caserma dei carabinieri di Ponte in Valtellina con una pistola carica, dopo che gli era stata ritirata la patente per troppo alcol, si trova agli arresti domiciliari. A deciderlo il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sondrio.

La tragedia sfiorata

Su Paolo Gemelli, 48 anni e residente a Piateda, pendono le accuse di lesioni, minacce, percosse e porto abusivo d’arma, tutti reati aggravati, seppur si stata stralciata l'accusa di tentato omicidio inizialmente contestata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Valchiavenna, Della Bitta: «Raccomando calma e responsabilità»

  • Frontale sulla Valeriana: grave un ragazzo

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: ora sono 27. Morta una donna

  • Di nascosto vendeva superalcolici a giovanissimi: denunciato barista del centro di Morbegno

  • Ubriachezza, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale: richiesto il rimpatrio di tre giovani nel Morbegnese

  • Coronavirus, i casi salgono a sei: gravissimo un 38enne, si teme un focolaio

Torna su
SondrioToday è in caricamento