Preso ancora il bracconiere di Piateda

Un allevatore 60enne è stato nuovamente bloccato dopo non essersi fermato ad un posto di blocco. Aveva buttato fuori dall'auto un'arma artigianale sotto la pioggia: arrestato per porto d’armi e caccia di frodo oltre che per resistenza a pubblico ufficiale

Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ancora una volta, F.G. un allevatore 60enne di Piateda. L’uomo giovedì sera è stato arrestato dai Carabinieri di Ponte con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, porto d’armi e caccia di frodo.

Al 60 enne, già conosciuto dai militari per la sua abitudine alla caccia da frodo, durante l’intimazione dell’Alt del posto di controllo, contravveniva all’ordine per fermarsi qualche metro più in davanti. La scusa addotta per il comportamento tenuto non convinceva i militari che procedevano ad un controllo più approfondito.

La perquisizione del veicolo permetteva il rinvenimento un coltello e di munizionamento adatto per la caccia. Seppure interrogato l’uomo negava il suo coinvolgimento in attività illecite. I carabinieri, allora, al controllo della zona limitrofa rinvenendo, con non poche difficoltà, un’arma assemblata artigianalmente che successivamente F.G. confermava essere di suo proprietà.

L’uomo infatti, durante la breve fuga, si era disfatto del corpo del reato che gli sarebbe costato problemi di carattere penale ma non si aspettava certamente la caparbietà professionale dei militari che, addirittura sotto la piaggia di quella sera, decidevano di effettuare il rastrellamento dell’area per la ricerca del fucile.

F.G., che già l’anno scorso era incorso con il personale dei carabinieri di Ponte in Valtellina nei medesi problemi, dopo che lo avevano trovato con la carcassa di un animale in auto, è stato arrestato non solo per porto d’armi e caccia di frodo ma anche per resistenza a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella giornata di venerdì 5 aprile 2019, F.G. si è presentato davanti al Giudice del Tribunale di Sondrio che, dopo aver convalidato l’arresto, ha emesso il provvedimento dei domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

  • Droga già in dosi e contanti nascosti nel bagagliaio, arrestati tre giovani del Sondriese

  • L'ospedale Morelli di Sondalo sempre più centro covid-19, anche dopo l'emergenza

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna si muore ancora: 4 decessi nell'ultima giornata

  • Coronavirus, le parole di Fontana: «Mascherine fino a quando non ci sarà un vaccino anti-covid»

Torna su
SondrioToday è in caricamento