Molinari fa visita agli studenti sfollati della Val Masino

Il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio alla Casa delle Guide di Filorera: "Mi ha sorpreso il grande spirito di adattamento che anima questi alunni e i loro insegnanti, non hanno mai perso l’entusiasmo e la voglia di fare».

l dirigente Ust Fabio Molinari insieme ad alcuni alunni della Primaria di Val Masino. Nella foto anche il vicesindaco Stefania Angileri e la dirigente Elisa Gusmeroli

Nella mattinata di giovedì 28 febbraio 2018, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio, Fabio Molinari, ha fatto visita ai 31 alunni della scuola primaria e ai 15 bambini dell’infanzia di Val Masino che, dal 18 febbraio scorso, sono ospiti presso la “Casa delle Guide” (il centro sportivo in località Filorera di proprietà della Comunità montana e gestita da Iris Gherbesi) dopo la frana dello Scairun del 4 febbraio che li ha costretti ad abbandonare l’edificio di Cataeggio per ragioni di sicurezza.

Al sopralluogo hanno preso parte anche la Dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Ardenno, Elisa Gusemeroli, il vicesindaco di Val Masino, Stefania Angileri, e l’assessore Albino Taeggi per prendere visione di eventuali criticità e porvi rimedio. Attualmente i bambini della primaria hanno preso posto nella sala riunioni e al primo piano mentre i piccoli dell’infanzia sono ospiti dell’area fitness nel seminterrato e la sala da pranzo è stata adibita a mensa. 

«Sono felice dell’accoglienza che i bambini hanno voluto riservarmi – dichiara il Dirigente dell’Ust, Fabio Molinari – ma soprattutto sono contento che qui abbiano ritrovato un po’ di serenità dopo i giorni difficili che hanno seguito la frana. Grazie alla sinergia di tutte le istituzioni si è potuti giungere a una soluzione condivisa che consenta, seppur in maniera provvisoria, di proseguire le attività didattiche in un luogo adeguato alle esigenze formative. A sorprendermi è stato specialmente il grande spirito di adattamento che anima questi alunni e i loro insegnanti che, nonostante i disagi iniziali legati agli accadimenti calamitosi, non hanno mai perso l’entusiasmo e la voglia di fare».

«Quella in cui si trovano ora i bambini, seppur non propriamente scolastica, è una gran bella struttura – spiega la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Ardenno, Elisa Gusemeroli –. In questi giorni stiamo valutando le eventuali criticità che potrebbero insorgere, sia sul fronte della sicurezza che su quello della didattica. Lo spirito di adattabilità dei bambini, delle insegnanti e delle famiglie è davvero eccezionale». «I bambini qui si trovano molto bene e anche le insegnanti sembrano essere soddisfatte – aggiunge il Vicesindaco di Val Masino, Stefania Angileri –. Adesso però stiamo effettuando una serie di verifiche per trovare alcune soluzioni che possano garantire al meglio il normale svolgimento delle attività scolastiche».

Potrebbe interessarti

  • Il Passo Gavia è riaperto ma sembra un fiume

  • C'è un temporale in arrivo

  • «È solo un arrivederci», dalla demolizione dell'oratorio spunta il saluto che commuove

  • Suor Dorina, da Sondrio a Superiora generale di 1600 consorelle

I più letti della settimana

  • Valle Spluga, il maltempo blocca Statale 36

  • Tirano, travolto e ucciso nella notte

  • Grosio, caduta fatale da una scala: Ivano Negri non ce l'ha fatta

  • Valfurva, donna muore sul San Matteo

  • Camion investe 87enne all'alba, tragedia a Tirano

  • Maltempo: incredibile salvataggio ai piedi dello Spluga in Svizzera

Torna su
SondrioToday è in caricamento