Vino di Valtellina: potrebbe essere un'annata precoce quella 2019

Secondo la Fondazione Fojanini l'uva sotto i 500 metri sopra il mare è ad una buona maturazione

Le prime valutazioni scaturite dalle analisi chimiche effettuate in questi giorni dai tecnici della Fondazione Fojanini nei vigneti attestano che siamo in presenza di un’annata che, al momento, rientra tra quelle medio precoce.

Come sempre l’andamento meteorologico dei prossimi 50/60 giorni sarà fondamentale per completare il processo di maturazione di una varietà di IV epoca come il Nebbiolo.

Le analisi chimiche servono a valutare il trend di maturazione e vengono, da oltre 20 anni, effettuate su uve provenienti da vigneti guida, dalle stesse piante e con la stessa tecnica di prelievo. Questo permette di avere un quadro rigoroso sull’andamento della maturazione. La carica produttiva è nella norma, anche se vi è molta variabilità tra vigneto e vigneto.

I pesi medi dei grappoli sono leggermente superiori alla media. Il loro peso finale dipenderà molto dall’andamento climatico di fine agosto ed inizio settembre. La dotazione idrica è positiva, grazie ai frequenti temporali, che ci permette una buon riserva idrica per almeno 15/20 giorni.

La fase fenologica dell’invaiatura (colorazione) è, nelle aree più precoci, al 25/45%. Al di sopra della quota altimetrica di 500 s.l.m. tale percentuale diminuisce al 5/20%.

Nella serata del 19 agosto un violento temporale ha portato con se grandine, che ha colpito la costiera dei Cech. Al momento i danni vengono segnalati di bassa entità 3/5%. Tuttavia sono ancora in corso i rilievi per avere un quadro più chiaro della situazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da metà settembre il laboratorio di analisi sarà fornito da un nuovo strumento scientifico a tecnologia NIR (near infrared spectroscopy). Questo ci permetterà di avere la capacità, non solo di ampliare i parametri analitici di ricerca, ma di offrire in tempi brevissimi referti analitici come maturità fenolica, contenuto di acidi organici (malico e tartarico) ad un maggior numero di utenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

  • Droga già in dosi e contanti nascosti nel bagagliaio, arrestati tre giovani del Sondriese

  • L'ospedale Morelli di Sondalo sempre più centro covid-19, anche dopo l'emergenza

  • Coronavirus, le parole di Fontana: «Mascherine fino a quando non ci sarà un vaccino anti-covid»

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna si muore ancora: 4 decessi nell'ultima giornata

Torna su
SondrioToday è in caricamento