I treni lombardi sono diventati più puntuali

L'assessore regionale ai Trasporti, Claudia Maria Terzi: «In seguito agli interventi che abbiamo messo in campo negli ultimi mesi, l'indice di puntualità è passata dal 75% all'83%». Anche le soppressioni delle corse sono in diminuzione

Gli interventi attuati con il cambio orario invernale hanno determinato un miglioramento del servizio ferroviario regionale. È quanto emerge dai dati resi noti durante il Tavolo territoriale con i comitati dei pendolari e gli enti interessati dal servizio, coordinato dall'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi.

«I numeri ufficiali, in seguito agli interventi che abbiamo messo in campo, - ha spiegato l'assessore - certificano che le soppressioni sono sensibilmente diminuite e la puntualità è
aumentata. Nella fase pre orario invernale (periodo dal 1 ottobre 2018 al 8 dicembre 2018) l'indice di puntualità era del 75%, mentre nella fase post orario invernale (periodo dal 10 dicembre 2018 al 24 maggio 2019) si attesta all'83%. E Le soppressioni, nello stesso periodo, calano dal 5,8 all'1,8% (di cui lo 0,6% di responsabilità a Trenord). Questo non significa che tutto vada bene, permangono criticità e c'è ancora molto lavoro da fare, ma siamo riusciti a superare la fase di emergenza e innescare un trend positivo".

«In giunta - ha proseguito - abbiamo approvato una delibera che sancisce il ripristino progressivo dei servizi ferroviari temporaneamente sostituiti con bus. Questo avverrà gradualmente a partire dal 1 settembre, avendo superato la criticità della carenza di personale e compatibilmente con la disponibilità di nuovo materiale rotabile, senza dimenticare che anche le condizioni dell'infrastruttura incidono da questo punto di vista".

«Gli sforzi della Regione Lombardia per offrire un servizio di qualità - ha concluso - sono molteplici. Uno su tutti l'investimento per 176 treni nuovi, 15 dei quali sono stati acquistati a metà maggio. Un'operazione che ci consente, con la collaborazione di Trenitalia, di anticipare la fornitura dei primi convogli da maggio 2020 a novembre 2019. L'arrivo dei nuovi treni consentirà appunto, con gradualità, il ripristino delle corse sostituite con bus. A questo si aggiungerà il lavoro sulle infrastrutture con il piano per la Lombardia di Rfi che abbiamo chiesto e ottenuto: insieme proseguiamo sulla strada del miglioramento del trasporto su ferro nella nostra Regione".

I dati ufficiali e certificati confermano che la puntualità continua a migliorare: Sulla S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate) è passata dal 68% all'87%, sulla Milano-Mantova dal 70% all'85%, sulla S13 (Milano Bovisa -Pavia) dall'81% all'87%, sulla S8 (Lecco-Carnate-Milano) dal 63% al 77%, sulla Milano-Pavia-Stradella dal 59% al 78% e sulla Brescia-Cremona dal 65% al 89%. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Sondrio usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Livigno: nasconde 84 litri di superalcolici nel camper ma viene fermato alla dogana in Valposchiavo

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Quanto costa la droga in Valtellina?

  • Giardini del centro proibiti e acqua per pulire l'urina: nuove regole a Sondrio per i proprietari dei cani

  • Ruinon, buone notizie per la Valfurva: lunedì iniziano i lavori per il ripristino della strada provinciale

  • Ecco il nuovo piano della sanità provinciale: Sondrio fulcro della rete di ospedali sul territorio

Torna su
SondrioToday è in caricamento