A Sondrio un nuovo sportello per persone con disabilità e le loro famiglie

Le prime visite saranno effettuate a titolo gratuito, mentre per le successive si valuterà a seconda della situazione e dei singoli casi.

È con grande piacere che UILDM sezione di Sondrio e TECNICI SENZA BARRIERE (promotrici del progetto 
Valtellinaccessibile e Dappertutto) annunciano l’apertura di uno sportello informativo per le persone con disabilità e per le loro famiglie presso la sede della cooperativa Grandangolo di Sondrio, in via Giuliani, 20.


Lo sportello rientra in un’operazione di rinnovamento e riorganizzazione dei servizi offerti dalla sezione provinciale della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare). Nel corso dell’ultimo anno è stato
infatti realizzato il nuovo sito internet sondrio.uildm.org, acquistato un dispositivo per un migliore studio della qualità del sonno dei pazienti affetti da distrofia muscolare e patologie neuromuscolari e avviatoimportanti collaborazioni con alcuni professionisti della Provincia che hanno deciso di mettere a disposizione le loro competenze e conoscenze in campo sanitario.


“Stiamo pensando, inoltre, di avviare nuove attività che possano coinvolgere attivamente un maggior numero di persone con disabilità in modo da dar loro concrete possibilità di realizzarsi, magari anche lavorativamente” – affermano Stefano Della Nave Spini, presidente UILDM sezione di Sondrio e Walter Fumasoni, presidente di Tecnici Senza Barriere.


Alcuni dei servizi che saranno offerti presso lo sportello, grazie all’associazione TECNICI SENZA BARRIERE,
saranno rivolte a tutte le persone con disabilità:
- consulenza per l’abbattimento delle barriere architettoniche in spazi privati e pubblici;
- orientamento generale relativamente a bandi e interventi di sostegno erogati da enti regionali e 
provinciali;
- indicazione di percorsi accessibili in provincia di Sondrio;
- aiuto nell’organizzazione di vacanze accessibili;
- messa a disposizione (con l’aiuto di LEDHA Lombardia – Lega per i diritti delle persone con disabilità) di avvocati che interverranno per trovare una soluzione in eventuali discriminazioni nell’ambito sociale, scolastico e lavorativo. 


Altri servizi, quelli offerti in particolare da UILDM, si rivolgeranno alle persone affette da patologie 
neuromuscolari:
- messa a disposizione gratuitamente degli strumenti in possesso della sezione UILDM di Sondrio per 
lo studio della qualità del sonno;
- possibilità di utilizzare, sempre gratuitamente, il pulmino attrezzato;
- possibilità di avvalersi delle competenze di quattro importanti professionisti della provincia di 
Sondrio:

  •  dottor Simone Del Curto, chirurgo/anestesista che da anni segue pazienti con patologie neuromuscolari;
  • dottoressa Paola Del Martino per una consulenza psicologica;
  • dottor Eugenio Occhi per una consulenza fisiatrica;
  • dottor Gian Antonio Spagnolin per una consulenza sulla fornitura di ausili.

Le prime visite saranno effettuate a titolo gratuito, mentre per le successive si valuterà a seconda della situazione e dei singoli casi. Le modalità e i tempi degli incontri con i professionisti saranno programmati a seconda delle richieste che arriveranno.


Lo sportello sarà aperto tutti i martedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00 e sarà gestito da Francesca Rognache potrà essere contattata anche al di fuori dell’orario dello sportello al numero 335 5870790.
L’apertura dello sportello è stata possibile grazie alla grande disponibilità dimostrata dalla cooperativa sociale Grandangolo che ha messo a disposizione un suo ufficio dove poter accogliere le persone interessate ai servizi offerti. 


L’azione della sezione di Sondrio della UILDM e di TECNICI SENZA BARRIERE proseguirà con nuovi progetti sul territorio: “Un passo molto importante che speriamo di realizzare a breve è la costituzione del coordinamento provinciale LEDHA così da poter avere e dare un valido sostegno per la difesa dei diritti delle persone con disabilità – sottolineano Della Nave e Fumasoni – a questo proposito speriamo che anche altre associazioni possano entrare a far parte del coordinamento. La difesa dei diritti delle persone con disabilità è infatti un tema sempre all’ordine del giorno che molto spesso, incredibilmente, non è scontato, come dimostra la recente polemica che ha riguardato la Val di Mello. Speriamo che quanto realizzato possa essere d’aiuto per le persone interessate e possa riscuotere il favore che si merita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

  • Qualità della vita, Sondrio terza in Italia e prima in Lombardia

Torna su
SondrioToday è in caricamento