Sondrio, è la settimana del sottopasso di via Nani

Sabato 4 maggio verrà inaugurata l'importante opera posta nella zona est della città. Un intervento attesa da decenni che elimina l'ultimo passaggio a livello ferroviario dentro il capoluogo

Il sottopasso di via Nani è oramai pronto

Dopo anni di attesa, il sottopasso ferroviario di via Nani, a Sondrio, è finalemente realtà. Dopo circa 11 mesi di lavori ed interventi, tra ritardi nella programmazione del traffico ferroviario e maltempo, l'opera, tanto attesa da residenti e non, verrà inaugurata ufficialmente sabato 4 maggio 2019 alle ore 11.

«Sono stati mesi difficili per chi come noi abita qui - ha commentato un residente di via Chiavenna -, il cantiere è stato "invasivo", a volte anche di notte, ma siamo felici di avere un collegamento sicuro con il resto della città. Erano anni che aspettavamo questo intervento».

Con il nuovo sottopasso si è di fatto eliminato l'ultimo passaggio a livello all'interno del centro abitato di Sondrio (resta soltanto quello della Ca' Bianca, nella zona artigianale) permettendo così un collegamento sicuro tra la zona est del capoluogo ed il centro cittadino.

Il tunnel, lungo all'incirca 100 metri, prevede, oltre alla carreggiata per le auto, anche un passaggio sicuro e rialzato per pedoni e ciclisti. Oltre ai sistemi di videosorveglianza e d'illuminazione a led "intelligente", nel sottopasso è stato anche installato un sistema di pompe per prevenire accumuli d’acqua. In caso di problemi all’interno del sottopassaggio, un semaforo all’ingresso permetterà di bloccare automaticamente l’accesso delle auto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane talamonese scomparsa a Barcellona

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • Qualità della vita, Sondrio terza in Italia e prima in Lombardia

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

Torna su
SondrioToday è in caricamento