Sondrio, lavori pubblici: ecco cosa si è fatto e cosa si farà a breve

L'assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera traccia un bilancio

Natale e la fine dell'anno si avvicinano, è tempo di bilanci.

Sono trascorsi sei mesi dall'inizio del mandato, e l'Amministrazione comunale ha già messo in campo molte novità che stanno trasformando, a poco a poco, il volto della città di Sondrio. Senza dimenticare, però, quello che già c'è e che deve essere tenuto con la massima cura e, dove possibile, migliorato.

“In quest'ottica si inserisce una delle priorità della Giunta comunale, che ha deciso di puntare molto sulla manutenzione dell'esistente, in particolare in tema di Lavori pubblici – spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Andrea Massera -. Ed è già lungo l'elenco delle opere realizzate, in via di realizzazione o comunque appaltate, in particolar modo relativamente a marciapiedi, strade, edifici, ponti”.

Ecco qualche esempio. “Abbiamo avviato un'operazione di manutenzione straordinaria di marciapiedi cittadini e tratti di strade/piazze in porfido e massello – prosegue Massera -. Lavori che sono finanziati con fondi Aqst (150.00 euro) e inseriti nel programma opere pubbliche con la variazione di settembre. Già realizzato il marciapiedi in fregio alla Villa Quadrio (via IV Novembre-via Don Bosco), e numerosi microinterventi, mentre è stato approvato il progetto per il rifacimento del marciapiede di via De Simoni lato ovest e sono stati affidati i lavori per il rifacimento del marciapiede del sottopasso in via Parolo. In corso l’affidamento di quelli per i marciapiedi in asfalto di via Bernina e via Vanoni”. E' stato effettuato, poi, l'intervento di messa in sicurezza della strada comunale tra Mossini e Arquino, dove sono stati tagliati numerosi alberi pericolosi.

Poi, il tema ponti. “E' stato affidato ad una società specializzata l’incarico di effettuare un’attività di ispezione di tutti i ponti sul torrente Mallero in comune di Sondrio al fine di verificarne lo stato di conservazione e di prevenire possibili situazioni di criticità legate alla manutenzione e/o alla vetustà dei manufatti” prosegue l'assessore ai Lavori pubblici, che illustra poi l'intervento di manutenzione straordinaria della Scuola dell'Infanzia di via Vanoni. “Nel mese di novembre abbiamo approvato il progetto esecutivo, in quello di dicembre abbiamo indetto la procedura di gara per affidare i lavori, importo complessivo del progetto pari a 443.000 euro – spiega -. L’intervento, della durata di circa 120 giorni, verrà effettuato la prossima privamera e permetterà di riqualificare e mettere a norma l’edificio, realizzato negli anni 70, sotto diversi aspetti”.

Entro fine anno verrà indetta la procedura di cara per l'affidamento dei lavori di realizzazione della nuova bretella stradale di collegamento tra viale dello Stadio e via Valeriana, che permetterà di eliminare l’attuale passaggio di veicoli su Piazzale Fojanini, divenuto difficoltoso a seguito della realizzazione dell’edificio “Casa del Rugby”, e di agevolare la viabilità di accesso verso Triasso e verso la zona residenziale di Via Valeriana. Il progetto esecutivo, approvato in Giunta a dicembre, prevede un costo complessivo di 215.000 euro.

Sempre entro fine anno verranno affidati i lavori al Pala Scieghi-Pini: l'intervento è destinato alla manutenzione straordinaria degli spogliatoi, che verranno completamente rifatti. Negli ultimi mesi sono stati posati 18000 metri quadrati di asfalti, di cui circa 8000 a carico del Comune (investimento complessivo di circa 80.000 euro) e il resto a carico delle imprese che hanno realizzato infrastrutture lungo diversi assi viari cittadini (Open Fiber e Telecom in primis).

Gli interventi di ripristino del manto stradale più significativi hanno riguardato via Tonale, via Samaden, largo Sindelfingen/Piastra, via Fiume, via Bernina, nonché circa 500 metri di strada Vasp (viabilità agro silvo pastorale) da Triangia verso Rolla (l’ultimo tratto non ancora asfaltato verrà realizzato l’anno prossimo). Nel mese corrente è stato poi approvato il progetto esecutivo ed è stata avviata la procedura per l'affidamento dei lavori di posa della rete paramassi in località Ronchi, un'opera di difesa del suolo finalizzata a mettere in sicurezza la località, vista la presenza, a monte del centro abitato, di un’area potenzialmente instabile dal punto di vista geologico e di una serie di muretti a secco in stato di abbandono. Infine, un occhio di riguardo alla manutenzione straordinaria del verde mediante la riqualificazione delle alberature stradali.

“Con questo intervento si intende porre rimedio ai numerosi problemi arrecati negli anni dagli esemplari di pini marittimi che sono stati collocati, a partire dagli anni ’70, lungo diverse arterie stradali, pedonali e ciclabili cittadine – spiega Andrea Massera -. Questa pianta, collocata in ambiente urbano, sviluppa criticità ben note e ampiamente documentate dalla letteratura specialistica: lo sviluppo delle radici provoca sollevamenti della pavimentazione di strade e piste ciclabili, la mancanza di stabilità della pianta può causarne il ribaltamento in occasione di nevicate o vento forte, i rami si sviluppano in modo indefinito fino a spezzarsi. Tutto ciò comporta costanti problematiche a livello di sicurezza stradale, pedonale e ciclabile e richiede uno sforzo notevole sotto il profilo della manutenzione sia delle piante che delle sedi stradali interessate. Anche a Sondrio abbiamo una vasta casistica di queste problematiche. Si è pertanto deciso di proseguire il percorso, già iniziato, di sostituzione del pino marittimo con altre specie di pianta il cui apparato radicale e la cui manutenzione non arrechino i sopraelencati problemi”.

Le aree di intervento sono 3: - le vie Gramsci e Torelli dove verranno abbattute 20 piante (28 erano già state eliminate nel 2013) e piantumati 22 nuovi aceri (in continuità con gli 11 già messi a dimora allora) - via Donatori di Sangue, dove verranno abbattute 9 piante (5 erano già state eliminate) e piantumati 13 nuove piante della specie liriodendron (albero dei tulipani); - via Don Guanella, dove al posto dei 6 pini marittimi già rimossi verranno piantumati 5 liriodendron. Al termine degli interventi verrà effettuato il ripristino di marciapiedi e strade danneggiati dalle radici dei pini marittimi. Il costo complessivo dell'intervento è di 40mila euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio a Sorico, scoperti i responsabili

  • Cronaca

    Della Sale si dimette da Presidente del Consorzio Turistico Valtellina di Morbegno

  • Cronaca

    Passeggero-vandalo, treno fermo e ritardi sulla Tirano-Milano

  • Notizie

    "Sant’Antòni del purscèll.."

I più letti della settimana

  • Autovelox fissi sulla nuova Statale 38: ecco dove

  • Incendio a Sorico, scoperti i responsabili

  • Ladre in azione all'Iperal di Piantedo: arrestate due nomadi

  • Giovane scompare nel varesotto: l'appello della sorella

  • Statale 36, autista perde il controllo ed esce fuori strada

  • Passeggero-vandalo, treno fermo e ritardi sulla Tirano-Milano

Torna su
SondrioToday è in caricamento