Livigno, anche per la Cassazione non si potrà sciare alla Vallaccia

Dopo anni di polemiche finisce la diatriba con la conferma della sentenza del Consiglio di Stato. Legambiente: «Basta con le ambiguità e le compiacenze del Comune. Ora si demoliscano tutte le opere»

In Vallaccia non è un dominio sciabile" e non si potranno perciò creare piste da sci, impianti di risalita o qualsiasi altra costruzione. È questo in soldoni il senso della sentenza che pone fine ad una diatriba durata anni, arrivata nei giorni scorsi da parte della Corte Suprema di Cassazione riunita a Sezioni Unite. Una sentenza che, confermando quella del Consiglio di Stato del 2017, colpisce la società Mottolino di Livigno impedendole così di fatto per sempre di creare un nuovo e modernissimo impianto di risalita nella valle sopra il comune di Trepalle.

Accolte quindi le motivazioni del TAR Lombardia sul primo ricorso fatto da Legambiente, che aveva decretato in via definitiva l'illegittimità del procedimento, portato fino all'approvazione del Consiglio dei Ministri nel tentativo di superare i vincoli paesaggistici e ambientali imposti dalla normativa regionale, nazionale e comunitaria. La Vallaccia, infatti, oltre ad esser tutelata dal Piano Paesistico Regionale, è anche una zona di protezione speciale individuata dalla Rete Europea Natura 2000, come sito prioritario per la conservazione della Natura, e come tale ricade sotto la tutela delle direttive comunitarie. 

La Corte Suprema oltre a confermare la validità della sentenza già pronunciata, ha anche condannato i ricorrenti - la Società Mottolino e il Comune di Livigno - al pagamento delle spese. «Adesso in Vallaccia vanno demolite tutte le opere e chiusa per sempre la Conferenza di Servizi per i nuovi impianti: la Vallaccia resta alla natura e alle persone che vorranno fruirne rispettandone lo straordinario paesaggio d'alta quota» ha commentato Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia.

Legambiente, che nella vertenza è stata supportata e difesa dall'avvocato Francesco Borasi, ha espresso tutta la propria soddisfazione con una nota stampa: «Dal momento che non c’è nessuna istruttoria che possa mutare il quadro normativo di riferimento, il procedimento autorizzativo deve essere definitivamente archiviato. In proposito lo scorso 10 aprile, la Comunità Montana Alta Valtellina aveva riattivato, su istanza della Società Mottolino, una valutazione istruttoria ai fini di riapprovare il progetto bocciato dal giudice amministrativo. Ora, alla luce del giudizio della Cassazione, viene meno qualsiasi residuo presupposto a cui la Società e il Comune possano appigliarsi per tentare di riattivare un procedimento, che non può essere in alcun modo considerato legittimo».

La sentenza della Suprema Corte di Cassazione «dice la parola fine su una vicenda che ormai si trascina da un decennio, e che ha già comportato dei forti e ingiustificati esborsi da parte del Comune, oltre a gravi danni ambientali nel momento in cui, con estrema imprudenza, pur in pendenza di giudizio, la società Mottolino era arrivata ad aprire i cantieri d'alta quota realizzando scavi e approntando manufatti che, ora, dovranno essere eliminati, ripristinando i luoghi a spese dei ricorrenti» continua la nota. 

«Basta con le ambiguità e le compiacenze da parte degli enti pubblici dell'Alta Valtellina, ed in particolare del comune di Livigno: i riflettori su quel territorio rerstano accesi, anche in vista dei Giochi olimpici del 2026. Non vogliamo che le Olimpiadi Invernali diventino un nuovo treno di finanziamenti a supporto di procedure amministrative disinvolte, e non vogliamo che le aree naturali dell'Alta Valtellina ne paghino il prezzo ambientale, come già avvenuto per i Mondiali di Sci del 2005. Amministratori e operatori dell'Alta Valle devono sapere che Legambiente terrà gli occhi ben aperti sul rispetto degli ambienti naturali interessati dall'evento olimpico»conclude Barbara Meggetto.

Potrebbe interessarti

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • Sondrio, quanto affetto per Nicola Giugni

  • Temporali forti sulla provincia di Sondrio: c'è l'allerta

  • Dove saranno gli autovelox questa settimana sulle strade lombarde

I più letti della settimana

  • Elicottero militare atterra d'emergenza vicino alle persone, tragedia sfiorata a Santa Caterina

  • Valfurva senza pace: dal Ruinon un enorme masso sulla strada, viabilità interrotta

  • La frana del Ruinon ha raggiunto livelli di spostamento record? Per gli operatori va fatto brillare il versante

  • Operazione "Montagne d'euro", sgominata la banda dell'alpeggio

  • Temporali forti sulla provincia di Sondrio: c'è l'allerta

  • Giovane fungiatt scivola nel bosco a Gerola, recuperato dopo una caduta di 5 metri

Torna su
SondrioToday è in caricamento