Tutto pronto per l'Adunata degli Alpini di Milano

Presentata stamattina a Milano la rassegna numero 100 delle Penne Nere. Valtellina grande protagonista con un pensiero alle Olimpiadi del 2026

Milano e la Lombardia ospiteranno, da venerdì 10 a domenica 12 maggio, la 92esima Adunata Nazionale degli Alpini. L'evento, cui ha partecipato il presidente della Regione, è stato presentato oggi a Palazzo Lombardia dove è stato ricordato che quella del 2019 è anche l'Adunata del Centenario. 

Tra i presenti, insieme ai rappresentanti della Giunta regionale, il sindaco di Milano, il generale di Corpo d'Armata, Claudio Berto; il presidente dell'Associazione Nazionale Alpini,
Sebastiano Favero; il presidente della sezione milanese dell'Associazione Nazionale Alpini, Luigi Boffi e il presidente del Comitato Organizzatore dell'Adunata, Renato Genovese.

«La Regione Lombardia - ha detto il presidente - è al vostro fianco e farà di tutto per rendere questi giorni una grande festa. La dedizione per l'Italia e gli italiani caratterizza l'attività degli Alpini, sempre in prima linea nelle situazioni di bisogno. L'Adunata Nazionale sarà una manifestazione eccezionale che consentirà a tutti di conoscere il grande valore di questo corpo, la cui disponibilità e abnegazione a favore di chiunque ne abbia bisogno è da sempre costante e concreta». 

«Con gli Alpini - ha sottolineato - ho sempre avuto un rapporto speciale, mio papà aveva sul cappello una penna bianca di cui era orgogliosissimo e anche quando ero sindaco di Varese mi hanno sempre dato una mano nei momenti di bisogno».

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

«La montagna - ha aggiunto - per Regione Lombardia ha un'importanza strategica. Si tratta di una grande risorsa da valorizzare e per questo ho voluto fin da subito nominare un assessore (il valtellinese Massimo Sertori, ndr) che si dedicasse a questo settore e che mettesse in campo politiche capaci di contrastare l'emigrazione verso i centri urbani evitando il conseguente spopolamento montano».

Sempre in tema di valorizzazione della montagna il governatore ha poi ricordato la candidatura di Milano-Cortina per i Giochi olimpici invernali del 2026. «Si tratta di una straordinaria occasione - ha concluso - per far conoscere al mondo le bellissime montagne della Lombardia e della Valtellina con Bormio e Livigno in prima linea. Un territorio unico con una vasta gamma di offerte sia a livello turistico che culturale e gastronomico».

Allegati

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Livigno: nasconde 84 litri di superalcolici nel camper ma viene fermato alla dogana in Valposchiavo

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Quanto costa la droga in Valtellina?

  • Giardini del centro proibiti e acqua per pulire l'urina: nuove regole a Sondrio per i proprietari dei cani

  • Ruinon, buone notizie per la Valfurva: lunedì iniziano i lavori per il ripristino della strada provinciale

  • Ecco il nuovo piano della sanità provinciale: Sondrio fulcro della rete di ospedali sul territorio

Torna su
SondrioToday è in caricamento