Una nuova ciclovia orobica che dall'aeroporto di Orio al Serio conduce a Tirano: presentato il progetto Orobikeando

L'obiettivo è valorizzare i territori e le loro eccellenze enogastronomiche attraverso il turismo lento

Nella mattinata di venerdì 7 febbraio 2020 è stato ufficialmente presentato, a stampa ed amministratori, l'importante progetto "Orobikeando" connettendole grazie alla realizzazione di una ciclovia che dall'aeroporto bergamasco di Orio al Serio conduca fino a Tirano, in Valtellina. 

Un percorso importante e molto partecipato, volto alla valorizzazione degli elementi paesaggistici ed agroalimentari delle Orobie, attraverso un approccio sistematico al turismo lento.

Promotere dell'iniziativa il Gruppo di Azione Locale (GAL) Valtellina: valle dei sapori 2014-2020 insieme al GAL Valle Brembana 2020, il GAL Valle Seriana e dei Laghi Bergamaschi, il GAL dei Colli di Bergamo e del Canto Alto, Valtellina Turismo, il Parco dei Colli di Bergamo, Visit Brembo, Promo Serio, il Bim Adda e il Bim del Lago di Como, Brembo e Serio. 

«Il progetto "Orobikeando" si propone di definire una strategia coordinata di sviluppo rurale per mezzo della valorizzazione delle eccellenze agroalimentari presenti nell’area considerata dal progetto, tramite il consolidamento e la promozione della rete dei percorsi di mobilità lenta che mettano in collegamento, attraverso i passi storici, il territorio bergamasco con il versante valtellinese, fino all’area transfrontaliera del Bernina» hanno illustrato gli ideatori lungo la conferenza stampa.

Più in generale si tratta di un progetto di ampio respiro territoriale, finanziato con il contributo del Piano di sviluppo rurale di Regione Lombardia, il cui obiettivo prioritario è quello di creare opportunità di sviluppo e crescita per le aree rurali interessate dall’intervento, valorizzando le produzioni agroalimentari del territorio, le ricchezze enogastronomiche, paesaggistiche, culturali. 

La ciclovia

Al centro del progetto "Orobikeando" c'è la creazione di una nuova ciclovia di 176 chilometri, costruita connettendo sentieri ciclopedonali già esistenti, per una mobilità lenta che metta in collegamento, attraverso i passi storici, il territorio bergamasco e il versante valtellinese fino all'area transfrontaliera del Bernina.

Dall’aeroporto di Orio al Serio fino a Tirano, passando per Bergamo, la Val Brembana e la Val Seriana fino alla vetta del Colle San Marco e proseguendo poi da Morbegno a Tirano lungo il Sentiero Valtellina.

Un percorso importante, capace di "toccare" una grande fetta dei territori sondriesi e bergamaschi, che, stando a quanto pensato dagli organizzatori, potrebbe esser percorso in 4 giorni in bicicletta o con la biciclette elettrica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • C'è il primo caso di coronavirus in provincia di Sondrio: positivo al tampone un 17enne della Valdidentro

  • Coronavirus, parlano i genitori del 17enne di Valdidentro contagiato: «Appresa la positività dai media. Sconcertati per questo modus operandi»

  • Coronavirus, altri due ragazzi di 17 anni contagiati in provincia di Sondrio

  • Coronavirus in Valchiavenna, Della Bitta: «Raccomando calma e responsabilità»

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: ora sono 27. Morta una donna

  • Coronavirus in provincia di Sondrio, si attende l'esito di 9 tamponi

Torna su
SondrioToday è in caricamento