Giardini del centro proibiti e acqua per pulire l'urina: nuove regole a Sondrio per i proprietari dei cani

Troppa inciviltà nel capoluogo, un'ordinanza del Comune contro il malcostume. I luoghi vietati e le possibili multe

L’Amministrazione comunale di Sondrio alza il tono contro le cattive abitudini dei proprietari dei cani introducendo nuove regole, al fine di tutelare lo stato igienico-sanitario e il decoro della città. Sebbene a Sondrio vi siano già in vigore una serie di disposizioni, che fissano alcuni obblighi in capo ai proprietari e/oconduttori di cani – ad esempio, l’obbligo di trattenere costantemente gli animali al guinzaglio e l’obbligo di raccogliere le deiezioni depositate a terra e di conferirle negli appositi contenitori, il Comune si è dovuto attivare per rendere le norme ancora più stringenti.

«Abbiamo riscontrato che le norme già in vigore rimangono spesso disattese, e tali omissioni da parte dei conduttori degli animali contribuiscono a determinare condizioni di grave pregiudizio per i profili igienico- sanitari e di decoro delle aree urbane, con particolare riferimento a luoghi che, per loro storia, natura e caratteristiche, assumono significati di particolare rilevanza e dignità per i cittadini. Faccio riferimento, ad esempio, al Parco della Rimembranza, che ospita il Sacrario Militare ed il Museo della Memoria della Shoà, ed ai Giardini di Villa Quadrio, che costantemente si presentano in condizioni assolutamente indecorose a cagione dell’abbandono al suolo delle deiezioni di cani» ha commentato il sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini, commentato la delibera da lui stesso firmata.

Libertà di fruizione

«Tali condotte omissive, perpetrate dai proprietari dei cani, non soltanto offuscano il doveroso rispetto per luoghi che tramandano valori unanimemente riconosciuti dalla collettività, ma contribuiscono a determinare un oggettivo pregiudizio per la libera e serena fruizione di tali aree da parte dei cittadini, con particolare riferimento ai soggetti più fragili (bambini ed anziani), che si vedono esposti al rischio igienico-sanitario riconnesso alla diffusa presenza di sostanze organiche disseminate al suolo. Senza trascurare, peraltro, i notevoli costi sostenuti dall’Amministrazione per garantire il permanente ripristino di adeguate condizioni di pulizia e decoro di tali ambienti» ha continuato Scaramellini.

Il problema dell'urina

Inoltre, il Comune di Sondrio ha constatato i danni arrecati a beni pubblici e privati (muri esterni di palazzi, portoni ed accessi, vetrine di esercizi commerciali, elementi di arredo urbano, pali di sostegno della segnaletica verticale e luminosa) dalle minzioni liquide dei cani, che determinano non soltanto un contestuale imbrattamento dei beni, ma altresì un progressivo degrado delle strutture con potenziale pericolo per la loro stabilità.

Le due nuove regole

L'Ordinanza comunale contiene, quindi, alcune prescrizioni destinate alla valorizzazione e cura degli ambienti urbani, alla restituzione di alcuni giardini di pregio alla loro naturale destinazione ornamentale, alla crescita degli standard di vivibilità e decoro della città e alla tutela della sicurezza e della salute dei cittadini. Il provvedimento è articolato su due prescrizioni fondamentali.

L'uso dell'acqua

La prima prescrizione è finalizzata ad imporre ai conduttori di cani su suolo pubblico di adottare tutte le misure possibili per impedire agli stessi di lordare con urina i muri esterni di palazzi, portoni ed accessi, vetrine di esercizi commerciali, elementi dell’arredo urbano, panchine, cestini portarifiuti, pali di sostegno della segnaletica verticale e luminosa, veicoli in sosta, pensiline bus, strutture di confinamento di esercizi commerciali etc..

Nel caso in cui risultasse impossibile al conduttore impedire, con le normali cautele e potestà di custodia ed indirizzo delle condotte dell’animale in vista della indispensabile salvaguardia dei suoi istinti naturali, è fatto obbligo al conduttore medesimo di provvedere alla immediata detersione del luogo lordato mediante dispersione di acqua, che dovrà pertanto essere portata al seguito o immediatamente reperita.

I giardini pubblici proibiti

La seconda prescrizione riguarda invece l’individuazione di luoghi pubblici, destinatari di particolari esigenze di tutela, ove è fatto divieto di accedere ai cani in vista del perseguimento di istanze igienico-sanitarie, di pulizia, decoro e vivibilità degli ambienti.

Le nuove aree proibite sono: Parco della Rimembranza, giardini pubblici di Villa Quadrio e giardino Stelline in via Caimi (dove peraltro è posto il divieto assoluto di accedere con animali al seguito) e le aiuole e aree verdi di piazza Campello e giardini Sassi (dove il divieto riguarda esclusivamente le aiuole e le aree verdi, con possibilità per le persone di transitare con animali al guinzaglio sui vialetti e sulle altre aree pedonali, con obbligo di raccolta e smaltimento delle deiezioni). Su tutte le aree nei prossimi giorni verranno affissi alcuni cartelli con le nuove prescrizioni.

Le multe

Ai trasgressori verrà applicata la sanzione amministrativa pecuniaria di € 100, in ossequio alle previsioni di cui agli articoli 7 comma 3 e 46 comma 3 del vigente Regolamento di Polizia Urbana. 

«Accanto alle misure di carattere normativo, l’Amministrazione comunale intende assumere l’iniziativa per conferire maggior dignità e pregio estetico-ambientale alle aree in questione ed in genere ai giardini ed alle aree verdi a fruizione del pubblico. Saranno individuati pertanto gli interventi indispensabili ad accrescere il pregio estetico-funzionale delle aree verdi, grazie ad interventi di carattere florovivaistico destinati all’inserimento di elementi naturali e di essenze floreali che contribuiranno a rendere tali ambienti maggiormente godibili dai frequentatori, nel rispetto delle naturali inclinazioni dei contesti di inserimento» ha continuato il sindaco di Sondrio.

«Si invitano i cittadini, in ossequio alle doverose istanze di leale ed efficace collaborazione civica in vista del perseguimento dell’obbiettivo condiviso di raggiungimento di più elevati standard di pulizia, igiene, decoro, vivibilità ed attrattività della città, a prestare puntuale osservanza alla nuove prescrizioni, e Li ringrazio per il contributo che certamente vorranno offrire al benessere, allo sviluppo ed alla prosperità della nostra bella città» ha concluso Scaramellini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piateda, trovato un cadavere nell'Adda: potrebbe essere quello di Nicola Scieghi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi di Albosaggia

  • Valanga travolge tre sciatori alpinisti vicino al Passo Salmurano, uno estratto vivo dalla neve

  • Titolare trovato con cocaina e contanti, messi i sigilli a un bar del centro di Colico

  • Sondrio rivoluziona il suo Piano del Traffico: cambio di senso di marcia per 12 vie cittadine

  • Domani i funerali di Nicola Scieghi

Torna su
SondrioToday è in caricamento