La neve non vuole andarsene dallo Stelvio, il passo resta chiuso

Per la data di riapertura ogni decisione è rimandata a dopo il nuovo sopralluogo fissato per l'inizio della settimana prossima

Si presentava cosi il Passo dello Stelvio mercoledì 29 maggio 2019 (foto Bormio.info)

Dovranno ancora pazientare i tantissimi amanti del Passo Stelvio perchè la neve, seppur con il mese di giugno alle porte, non accenna ad andarsene. È così che il sopralluogo, effettuato dai tecnici di Anas lungo la mattinata di mercoledì 29 maggio 2019, ha dato esito negativo: troppi pericoli per poter riaprire al transito veicolare.

Nonostante qualcuno utilizzi già la strada progettata dal Donegani (leggi qui del brutto incidente capitato ad una ciclista israeliana), resta in vigore il divieto di transito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un nuovo sopralluogo è previsto ad inizio della prossima settimana. Complici le condizioni meteo che, stando alle previsioni, dovrebbero facilitare lo scioglimento del manto nevoso, è probabile che possa la settimana decisiva. Quello in programma potrebbe essere il sopralluogo "definitivo", utile per far decollare definitivamente la stagione estiva sul Passo dello Stelvio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal primo luglio aumenti in busta paga: quanti euro in più e a chi spettano? La tabella

  • Perde la vita cadendo per 150 metri, il padre raggiunge il corpo e lo veglia tutta la notte

  • Tirano piange il suo giovane campione di poker Matteo Mutti

  • Livigno, nasce una sfida per superare i propri limiti

  • Tragedia in Valsassina, padre uccide i due figli 12enni e si toglie la vita

  • Coronavirus, settimana negativa al Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento