Nasce il loro secondo figlio e scelgono di restare a Santa Caterina Valfurva: «Radici per ritrovare equilibrio»

Dopo il parto la giovane famiglia ha scelto di fare ritorno alla propria abitazione, nonostante le restrizioni dovute al Ruinon

La foto della famiglia Panizza tra le montagne di Santa Caterina Valfurva

Non si può certo dire che non sia una scelta coraggiosa quella di Elena Pedranzini e Andrea Panizza di fare ritorno nella propria abitazione di Santa Caterina Valfurva dopo aver fatto nascere il loro secondogenito Noel, venuto al mondo lo scorso 8 settembre, nonostante le precarie condizioni in cui la quotidianità furvese deve fare i conti a causa della frana del Ruinon.

Una scelta certamente non banale, viste le grosse limitazioni che la chiusura della strada provinciale 29 "del Gavia" porta con sè. Una decisione significativa che vuole essere allo stesso tempo testimonianza di una Santa Caterina "viva" che prosegue nella sua esistenza e monito alle Istituzioni perchè possano accelerare, quanto più possibile, per risolvere l'intricata situazione. 

«La nostra scelta è stata quella di tornare a Santa perché qui ci sono la nostra casa, i nostri affetti e in un momento di grande cambiamento per la nostra famiglia abbiamo bisogno di radici per ritrovare l’equilibrio...e quale posto migliore se non la propria casa e i luoghi del cuore» ha scritto mamma Elena sul suo profilo Facebook a commento di una bella foto di famiglia tra le montagne della Valfurva. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Queste belle giornate di sole hanno confermato che per la nostra famiglia stare qui tutti insieme è puro benessere...l’autunno però è alle porte...confidiamo nel tempo bello ma potrebbe cambiare da un giorno all’altro. Fate presto abbiamo diritto di poter continuare a vivere a casa nostra e le famiglie che si son dovute trasferire devono poter tornare al più presto alla normalità e alle proprie abitazioni. Sosteneteci Aiutatateci e soprattutto Fate Presto!!!!» ha concluso la mamma lanciando un appello alle istituzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Berbenno, 42enne stroncato da malore a Prato Maslino

  • Uomo trovato senza vita sul sentiero della Val Codera

  • Si tuffa da due metri dove l'acqua è poco profonda, attimi di panico a Sondrio

  • Sondrio, dopo 58 anni chiude l'asilo dei Salesiani: la preoccupazione per le 73 famiglie iscritte

  • Tre gemelli di Albosaggia da record alla maturità, il riconoscimento del dirigente scolastico

  • È il piccolo Gabriele il simbolo della ripartenza del Morelli dopo l'emergenza covid

Torna su
SondrioToday è in caricamento