Il Movimento per la tutela della Val di Mello risponde a Ledha: «questione di sensibilità diverse»

I promotori della petizione per la salvaguardia della "valle incantata" rispondono alla "Lega per i diritti delle persone con disabilità": «Ci rammarica sapere che ci siano persone offese ma anche numerosi disabili hanno aderito alla nostra raccolta firme»

Sentiero si, sentiero no. Disabili si, disabili no. Si attendeva una risposta dopo il seccato comunicato stampa di LEDHA, Lega per i diritti delle persone con disabilità, e effettivamente, nel tardo pomeriggio di venerdì 15 marzo 2019, la risposta è arrivata. 

«Prendiamo visione della lettera della Ledha. Ci rammarica apprendere che i toni utilizzati nel nostro primo comunicato abbiano colpito la sensibilità di qualcuno, non si intendeva farlo e ci rattrista sapere che ci siano persone che si sono sentite offese» hanno commentato i rappresentati del Movimento per la tutela della Val di Mello fortemente criticati per il linguaggio scelto per la petizione lanciata online contro il progetto di riqualificazione della "valle incantata" da parte di Ersaf.

«Le parole scelte per la petizione sono parole lanciate come pietre contro la dignità di tutte le persone con disabilità che aspirano e pretendono di vivere una vita dignitosa, con pari opportunità degli altri» aveva scritto Ledha nel suo comunicato. Parole dure alle quali il Movimento, dalla bacheca della sua pagina Facebook, ha così risposto: «I toni che abbiamo impiegato erano diretti verso un’azione che riteniamo dannosa per tutti ed inutile, in quanto il fondo valle risulta già accessibile tramite un sentiero parallelo e distante poche decine di metri».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A riprova che il fraintendimento sia stato dovuto anche a diverse sensibilità - di cui comunque bisogna tenere conto - riportiamo il fatto che numerose persone affette da disabilità e loro associazioni ci abbiano espresso la propria solidarietà nel firmare la petizione» hanno concluso i "difensori" della valle retica prima di tendere una mano virtuale alla Ledha con un: «Speriamo di incontrarvi presto nella splendida Val di Mello».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

  • Droga già in dosi e contanti nascosti nel bagagliaio, arrestati tre giovani del Sondriese

  • Coronavirus, ancora casi nelle case di riposo della provincia

  • L'ospedale Morelli di Sondalo sempre più centro covid-19, anche dopo l'emergenza

  • Coronavirus, le parole di Fontana: «Mascherine fino a quando non ci sarà un vaccino anti-covid»

Torna su
SondrioToday è in caricamento