La nostra sanità sempre più alla deriva

Le parole dure delle segreterie di CGIL, CISL e UIL

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa a firma delle segreterie di CGIL, CISL e UIL relativo alla situazione della sanità valtellinese e valchiavennasca.

"In questi ultimi mesi, ma non solo, il sindacato ha più volte lanciato richiami d’allarme sullo stato di salute 
della nostra sanità, segnalando più volte ciò che sta succedendo nelle corsie, negli uffici amministrativi e sul 
territorio.


A queste nostre grida /invocazioni ha risposto solo ASST con vane rassicurazioni: VA TUTTO BENE!!! 
Purtroppo la politica, la Conferenza dei Sindaci e le Istituzioni hanno scelto di NON voler entrare nel merito 
della questione limitandosi, occasionalmente, a fare un po' di campagna elettorale.
Ci spiace constatare, ogni giorno di più, che purtroppo avevamo ragione noi: non l’azienda, ma i lavoratori ci 
hanno informato che sono in programma nuovi accorpamenti di reparto a Sondalo, i quali porteranno a unire
Chirurgia Generale con Chirurgia Vascolare e Chirurgia Toracica con Urologia.

Lo scopo è SOLO quello di risparmiare personale infermieristico e oss.
Il paradosso è che tempo fa due dei reparti di cui sopra (Toracica e Vascolare) erano già stati accorpati tra 
loro, oggi si procede a smembrarli senza una benché minima motivazione scientifica vanificando così ben 6 
anni di lavoro di amalgama.
Altro punto su cui chiediamo chiarimenti da tempo, senza che sia pervenuta alcuna risposta da parte 
dell’Azienda nonostante numerose richieste e sollecitazioni, riguarda la sorte del Laboratorio Analisi di 
Sondalo. Anche in questo caso le voci circolano insistenti da parte del personale: parrebbero avanzare 
soluzioni (accorpamenti, trasferimento di prestazioni da un presidio all’altro, …) che inciderebbero sia sulla 
qualità del servizio che sulle sorti del personale. Molte domande, incertezze e vociferare nei corridoi, ma 
nessuna risposta certa.


La domanda che sorge spontanea, da Chiavenna a Sondalo, è ormai solo una: dove andremo a finire? Quale 
progetto futuro ha in mente una Direzione che fra 4 mesi è in scadenza? Ma il POAS approvato dall’azienda 
2 anni fa prevedeva questo o altro?
Chi ha buona memoria sa bene che tutto ciò non era previsto e quindi che senso ha discutere di progetti con 
coloro i quali, SOLO PER RISPARMIARE SUL PERSONALE, chiudono, accorpano, ritardano o non 
erogano servizi?
Di fronte a tutto ciò le scuse che l’Azienda accampa sono sempre le stesse:<< va tutto bene>> oppure < è colpa nostra>> e ancora << E’ colpa del fatto che non si trovano medici, infermieri, Oss>> < della Regione che ci vincola con regole economiche e non ci permette di spendere come vogliamo>>.


Insomma è sempre colpa degli altri!!! Danno e beffa! Ma intanto che fa la Dirigenza? NULLA
Prendiamo ad esempio il caso dei due primari “vacanti” di Cardiologia e Neurochirurgia… E’ mai possibile 
che dopo mesi di assenza non solo non si è provveduto a sostituirli ma non vi è nemmeno traccia del 
BANDO di Selezione? Di chi sarà la colpa??
Senza contare poi quel che riguarda i dati di “produzione”.. sempre più in calo, segno del fatto che i 
Valtellinesi e Valchiavennaschi continuano a perdere fiducia nella nostra struttura e si rivolgono altrove.

Ribadire che questa Azienda ormai naviga a vista appare la cosa più logica, ma arrivati a questo punto è 
necessario evitare ulteriori danni per cui chiediamo alla Direzione Generale di interrompere qualsiasi azione 
“riorganizzativa” onde consentire alla nuova dirigenza di riprendere un confronto vero con Istituzioni, 
Sindaci e OO.SS. sul modello di sanità di Montagna da attuare in provincia di Sondrio. MEGLIO NON 
FARE CHE FARE MALE!
CGIL, CISL e UIL confederali formalizzeranno all’Assessore Gallera tale richiesta allo scopo di non 
pregiudicare ulteriormente lo stato di salute della nostra sanità.

Potrebbe interessarti

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • Che partenza la stagione dei funghi in Valtellina

  • Dove sono i controlli della velocità con gli autovelox fino al 18 agosto

  • Sondrio, quanto affetto per Nicola Giugni

I più letti della settimana

  • Sondrio in lutto, è morto l'avvocato Nicola Giugni

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • Altro che amichevole estiva, tra Sondrio Calcio e Seregno finisce in rissa

  • Che partenza la stagione dei funghi in Valtellina

  • Sabato 17 agosto l'ultimo saluto a Nicola Giugni

  • Una coppia è stata aggredita e minacciata con una pistola giocattolo nel centro di Sondrio

Torna su
SondrioToday è in caricamento