Funghi porcini a 2400 metri di quota: è record per le Alpi

Il ritrovamento in Bassa Engadina da parte di alcuni docenti e studenti del Politecnico di Zurigo (ETH)

I ricercatori del Politecnico di Zurigo (ETH) in posa con i funghi trovati

Un ritrovamento record di funghi porcini è stato fatto dagli studenti del Politecnico di Zurigo (ETH) e i loro docenti a 2440 metri sul livello del mare, nel Canton Grigione sopra Scuol, in Bassa Engadina. Una scoperta che ha stupito non poco visto che si tratta della quota più alta quota a cui questi funghi nelle Alpi sono stati ritrovati.

Il record precedente sull'Arco alpino apparteneva al Ticino e all'Austria, con funghi porcini (Boletus edulis) trovati a 2200 sul livello del mare. Non si tratta comunque di un record mondiale: nelle Montagne Rocciose (USA) questi funghi crescono fino a una quota di 3500 metri.

Il ritrovamento risale al settembre del 2016 ed è stato fatto nel cuore dell'area sciistica di Motta Naluns ma la notizia è trapelata soltanto ora. «È stata una scoperta casuale», ha commentato in una nota Artemis Treindl, del Politecnico di Zurigo.

Insieme ad Adrian Leuchtmann, la ricercatrice organizza ogni anno una settimana di ricerca sul campo per gli studenti di biologia e scienze ambientali nella località engadinese. «I corpi fruttiferi del fungo non compaiono necessariamente nello stesso momento ogni anno, ma noi siamo sempre presenti a fine agosto-inizio settembre», sottolinea la dottoranda.

 

Il record alpino

Non è solo l'altitudine del ritrovamento a sorprendente. I funghi di Motta Nalun hanno anche "catturato" un partner a loro sconosciuto: il salice alle erbe Salix herbacea.

Molti funghi si associano alle piante. Il fungo forma nel terreno e attorno alle fini radici della pianta una rete di fili sottili, il micelio. Il fungo fornisce alla pianta acqua e sostanze nutritive, ma respinge al meglio i funghi dannosi e gli organismi del suolo. In cambio, il fungo trae vantaggio dai carboidrati, come gli zuccheri, che la pianta produce attraverso la fotosintesi.

I funghi porcini sono meno esigenti nella loro scelta di partner di piante. Il salice delle erbe, tuttavia, non è ancora noto come possibile partner per funghi porcini, almeno non nella loro area di distribuzione principale. L'arbusto nano è adattato alle dure condizioni ambientali nelle montagne e cresce sottoterra nell'orizzontale, al di sopra della superficie terrestre di solito sono visibili solo foglie e fiori.

«Probabilmente i funghi porcini di Motta Naluns hanno evitato il pascolo erbaceo per mancanza di alternative più adatte», afferma Leuchtmann. 

Colpa del surriscaldamento mondiale?

Non è chiaro come i funghi abbiano raggiunto questa altitudine inaspettata e come siano riusciti a cambiare i loro ospiti. Da un lato, il vento potrebbe aver portato con sè alcune  spore, d'altra parte, potrebbe anche essere una reliquia dai tempi precedenti in cui la linea degli alberi era molto più alta di quella odierna.

In alcune parti delle Alpi, questo è più basso di quanto sarebbe possibile dalla natura, perché l'uomo ha ripulito la foresta per la produzione di pascoli. Il riscaldamento globale potrebbe favorire il fatto che i funghi porcini possano depositarsi e sopravvivere a quote più elevate.

Per chiarire queste e altre domande senza risposta, Treindl e Leuchtmann vorrebbero investigare i funghi porcini della Bassa Engadina in modo più dettagliato. Quindi vogliono scoprire se sono geneticamente diversi dai funghi sotto la linea degli alberi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • La neve continua a scendere a Livigno, Passo della Forcola chiuso definitivamente per l'inverno

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

Torna su
SondrioToday è in caricamento