Disabili gravi, dietrofront di Regione Lombardia: ritoccato all'insù l'assegno per i caregiver

L'assegno mensile riportato a 600 euro dopo il taglio deliberato prima di Natale

"Pasticciaccio" sui disabili gravi in Regione Lombardia. Un giallo che pare essersi risolto con un voto (a scrutinio segreto) che ha annullato almeno l'ultimo dei tagli annuali al contributo ai caregiver, ovvero coloro che, spesso rinunciando al proprio lavoro, scelgono o talvolta sono costretti ad assistere familiari in gravi condizioni di non autosufficienza. I caregiver, nel 2018, ricevevano 1.000 euro dalla Regione, poi ridotti a 600 nel 2019 e, con delibera del 23 dicembre 2019, a 400 per il 2020 e il 2021. Un provvedimento che rischiava di tramutarsi in un pericoloso boomerang politico, per appena 200 euro al mese ad ogni caregiver che riceve il bonus, ovvero 9 mila persone in tutta la Lombardia.

Così, il 14 gennaio, una votazione a scrutinio segreto ha "rimediato" al pasticcio, riportando da subito a 600 euro al mese l'assegno. Senza condizioni. Fino al giorno prima, però, l'assessore alle politiche sociali, il leghista Stefano Bolognini, si era messo sulle barricate per difendere l'ulteriore taglio asserendo che si trattava di una conseguenza del piano nazionale per le disabilità. Di una decisione del governo, quindi. Ma è subito emerso che il governo abbia in realtà aumentato, per la Lombardia, il fondo per i caregiver, portandolo da 70 a 90 milioni su un totale di oltre 500, con l'avvertenza di darne «almeno 400 euro al mese». Un valore minimo per "costringere" tutte le Regioni (e province autonome) a farlo, cosa che finora non era scontata.

Bolognini, per difendere il taglio di 200 euro in Lombardia, aveva aggiunto di essere pronto a darne 500 a coloro che, con una soglia Isee di massimo 50 mila euro (65 mila se il disabile è minore), avessero assunto persone o acquistato servizi di tutela per figli gravemente disabili per almeno 40 ore al mese. Non tutti i caregiver, dunque. Questo annuncio aveva comunque generato polemiche, perché 500 euro non sarebbero bastati a coprire il minimo di 40 ore mensili di servizi aggiuntivi o compensi per il personale (a 20-25 euro all'ora). E inoltre condizionandolo a una soglia Isee che lo stesso provvedimento governativo (richiamato da Bolognini) sconsigliava di adottare. Per non dire di un altro punto controverso: nel caso in cui il disabile grave fosse un minore, il bonus aggiuntivo non sarebbe stato erogato in caso di superamento di 25 ore settimanali di frequenza scolastica; che, però, sono inferiori all'obbligo scolastico. Una specie di "assurdo".

Il contributo torna da 400 a 600 euro da subito

La protesta di decine di famiglie con un disabile grave assistito, ed anche delle forze politiche di opposizione, ha portato il consiglio regionale, martedì 14 gennaio, a votare una mozione del Partito Democratico con cui tra l'altro si riporta da subito a 600 euro, senza condizioni, l'assegno mensile. Una piccola spesa per Regione Lombardia, che evita però una vera figuraccia. Emanuele Monti, presidente della commissione sanità e consigliere della Lega (stesso partito dell'assessore), ha ammesso lo «stato di confusione e preoccupazione» per le nuove norme.

Le opposizioni avevano chiesto di rivedere l'impianto del piano per la disabilità e su questo la maggioranza di centrodestra si è barricata. Per il 2020 la giunta ha introdotto la rendicontazione dell'utilizzo di risorse da parte dei caregiver che ne beneficeranno. Questo aumenterà la burocrazia per le famiglie, ma il problema è principalmente di carattere economico, come nota Patrizia Baffi, consigliera di Italia Viva, dopo la seduta consigliare: «Se prendiamo ad esempio in esame i criteri previsti per il buono mensile erogato in base alla permanenza a domicilio della persona con disabilità gravissima, la previsione di 40 ore settimanali per gli assistenti non conviventi a fronte di un contributo di 500 euro è la dimostrazione evidente di una misura inadeguata, un intervento che non andrebbe a coprire neanche la metà dei costi di una formale assunzione».

«Non risolti tutti i problemi»

Avere riportato da 400 a 600 euro il contributo minimo, per Baffi, «è un primo risultato che migliora ma non risolve i problemi che emergono dal testo della delibera. Resto quindi in attesa di poter continuare il dibattito ed il confronto in commissione dove auspico che venga calendarizzata al più presto l’audizione dell’assessore Bolognini». Soddisfatto il Pd: «L’assemblea ha fatto la sua parte e ha sconfessato la linea dell’assessore Bolognini, ma soprattutto ha ribadito che le persone disabili e le loro famiglie meritano rispetto. Ora vigileremo che la giunta regionale dia loro le risposte che si attendono», dichiarano Gian Antonio Girelli e Fabio Pizzul.

L'assessore può tirare un sospiro di sollievo per il risultato raggiunto: «L'approvazione della mozione di una forza di opposizione - il suo commento - rappresenta un ulteriore stimolo e rafforzamento del lavoro costante intrapreso da Regione Lombardia e che vede nella costituzione del fondo unico per la disabilità il contesto coerente e appropriato per sviluppare sempre migliori politiche a favore dei disabili e delle loro famiglie nella logica del progetto individuale capace di tradurre concretamente bisogni, aspettative e desideri».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma dal punto di vista politico si tratta di uno scivolone che avrebbe potuto essere evitato già il 23 dicembre scorso. «La maggioranza è spaccata, grazie al voto segreto che ho chiesto passa la richiesta di cambiare le regole e garantire fondi per il sostegno alla disabilità. Il dato politico è che il consiglio regionale ha votato contro una delibera della giunta che penalizzava le persone disabili gravi e gravissime. Il consiglio regionale a questo punto dimostra di non essere in accordo con le decisioni politiche della giunta», nota Gregorio Mammì del Movimento 5 Stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal primo luglio aumenti in busta paga: quanti euro in più e a chi spettano? La tabella

  • Perde la vita cadendo per 150 metri, il padre raggiunge il corpo e lo veglia tutta la notte

  • Tirano piange il suo giovane campione di poker Matteo Mutti

  • Livigno, nasce una sfida per superare i propri limiti

  • Tragedia in Valsassina, padre uccide i due figli 12enni e si toglie la vita

  • Coronavirus, settimana negativa al Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento