Confortanti i dati della Polizia locale a Sondrio e Valmalenco ma mancano agenti

Il sindaco del capoluogo Scaramellini: «Nel 2019 la collaborazione ha prodotto risultati importanti, tanto che stiamo pensando di allargarla ad altri comuni, ma esistono difficoltà legate alle risorse e alla mobilità dei dipendenti»

Un modello che funziona, una collaborazione virtuosa che consente di ottimizzare le risorse e di organizzare l'attività con la massima efficienza: oltre i numeri questo è il bilancio dell'attività svolta nel corso del 2019 dalla Polizia Associata Operativa di Sondrio e della Valmalenco, presentata stamane presso la sede della Polizia Locale del capoluogo.

Un quadro confortante per il territorio e per i cittadini con un solo problema: la carenza di organico.

«La collaborazione ha prodotto risultati importanti, con conseguenze più che positive per gli enti pubblici come per i cittadini - ha sottolineato in apertura il sindaco Marco Scaramellini -, tanto che stiamo pensando di allargarla ad altri comuni. Da parte nostra c'è l'impegno per potenziare l'organico ma esistono difficoltà legate alle risorse e alla mobilità dei dipendenti».

Attualmente sono 19 gli agenti, fra Sondrio e la Valmalenco, ma per i pensionamenti e altre situazioni si potrebbe scendere di qualche unità: l'auspicio è di arrivare a 25 entro qualche anno. Tra i sindaci dei comuni interessati, ringraziati da Scaramellini per la collaborazione, c'è piena sintonia: i sindaci di Chiesa in Valmalenco, Renata Petrella, e di Torre Santa Maria, Giovanni Gianotti, intervenuti alla conferenza stampa, hanno evidenziato il grande lavoro svolto dagli agenti che devono presidiare un territorio esteso e complesso, caratterizzato dall'aumento delle presenze durante la stagione turistica.

I dati

Il comandante della Polizia Locale di Sondrio Mauro Bradanini ha presentato i dati relativi al 2019 e il confronto con la media del triennio precedente con Tiziano Rama, comandante della Polizia Locale dell'Unione dei Comuni della Valmalenco.

I compiti svolti dagli agenti di Polizia Locale sono diversi e comprendono l'attività di polizia stradale, amministrativa, giudiziaria e demografica. Per quanto riguarda i divieti inerenti la sosta, nel 2019 sono state accertate 9453 violazioni, contro le 9796 del triennio 2016/2018.

Gli accertamenti relativi alle dinamiche, tra cui revisioni, assicurazioni scadute, precedenze e rispetto della segnaletica, sono stati 11.058 l'anno scorso e 11.847 nei tre anni precedenti.

Tra le attività di polizia amministrativa si registrano 11 accertamenti, contro i 14 dell'anno precedente, mentre in quelle di polizia giudiziaria gli interventi hanno riguardato furti, in particolare di biciclette, danneggiamenti, generalmente all'arredo urbano, ma anche la mancata raccolta di deiezioni canine e i cani lasciati liberi in aree pubbliche.

Le due centrali operative, di Sondrio e di Chiesa in Valmalenco, nel 2019 hanno ricevuto circa 4200 richieste di intervento telefoniche e 12 mila persone sono state ricevute allo sportello.

Il comandante Bradanini, in presenza del responsabile della Protezione civile di Sondrio Stefano Magagnato, ha infine elogiato i gruppi della Protezione civile, dell'antincendio boschivo e degli Alpini, di Sondrio e della Valmalenco, che assicurano un contributo prezioso per i controlli, l'assistenza durante le manifestazioni, la sicurezza urbana, l'allerta maltempo e la manutenzione del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beve candeggina, paura per un 31enne di Tirano

  • Dramma a Traona, donna muore colpita da pesanti frammenti caduti da un tetto per il forte vento

  • Malore improvviso: 68enne muore in strada a Poggiridenti

  • Autovelox mobili sulle Statali 36 e 38: ecco quando sono in programma i controlli

  • Non si fermano all'alt sulla Statale 36, arrestati tre spacciatori valtellinesi

  • I numeri vincenti della lotteria di Natale dei Commercianti di Sondrio

Torna su
SondrioToday è in caricamento