Coronavirus, anche in provincia di Sondrio il tampone si fa in auto. Come funziona

Numerosi i vantaggi delle nuove operazioni. Già operativa l'ASST Valtellina e Alto Lario

Un esempio di analisi

Cambia il modo di effettuare i tamponi per il coronavirus anche in provincia di Sondrio. L'ASST Valtellina e Alto Lario, infatti, per l’esecuzione delle analisi rinofaringee per covid-19 ha dato avvio al sistema "drive through", che consente di eseguirli senza che l'utente debba scendere dall'auto.

I tamponi vengono effettuati ai pazienti dimessi ma ancora positivi, alle persone in quarantena a domicilio e a tutti gli operatori che necessitano di tampone nell'emergenza coronavirus: sanitari, forze dell'ordine, volontari.

Si tratta di un sistema  già sperimentato con successo in Corea del Sud e più di recente in Veneto e in Emilia Romagna.La procedura è sicura e veloce: alle persone che vengono convocate nel giorno e all'ora comunicati viene eseguito un tampone rinofaringeo rimanendo a bordo della propria auto.

Per svolgere il servizio l'Azienda sta allestendo tendoni, per  gli operatori sanitari, e gazebo, per le auto degli utenti, nei pressi dei Presidi territoriali e sta organizzando numerose squadre di operatori per eseguire tutti i tamponi necessari che, com'è prassi, vengono inviati a laboratori specializzati di fuori provincia per essere analizzati.

Dalla giornata di mercoledì 1 aprile si stanno effettuando i tamponi a Dongo e da venerdì 3 aprile si partirà a Bormio: in seguito toccherà a Sondrio, Morbegno, Tirano e Chiavenna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vantaggi di questo sistema, analogo nelle modalità e negli strumenti utilizzati a quello svolto in ambulatorio, sono molteplici: oltre alla velocità di esecuzione, la comodità per i pazienti ancora positivi che si sottopongono al tampone senza scendere dall'auto, la praticità di non inquinare spazi interni alle strutture e dover procedere alla loro sanificazione. La convocazione delle persone viene inoltre attentamente programmata per concentrare i soggetti a inizio malattia, i possibili positivi, e quelli a fine quarantena in momenti diversi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sondrio e altri 7 comuni della provincia coinvolti nell'indagine sierologica covid-19 di Ministero della Salute e Istat

  • Con mezzo chilo di droga in auto: arrestati due giovani valtellinesi

  • "Bonus bici", in Valtellina vale solo per i sondriesi

  • Coronavirus, Fontana si sbilancia: «Dal 3 giugno i lombardi saranno liberi di circolare in Italia»

  • "L'Italia non è un paese per bambini", la lettera-denuncia dei genitori degli asili nido di Sondrio e Lecco

  • Tragico incidente sulla Regina: centauro perde la vita

Torna su
SondrioToday è in caricamento