BeerBen, torna la festa delle birre artigianali di Berbenno

Presentata ufficialmente l'edizione 2019 in programma venerdì 6 e sabato 7 settembre 2019

Presentazione di BeerBen 2019. Da sinistra: Valerio Fumasoni, sindaco di Berbenno, Simone Bracchi, presidente di Beertellina, Filippo Della Fonte, vice presidente dell’Associazione B.Love, Stefano De Paoli del Birrificio Revertis, Greta Broglio di B.Love e Marco Melè del Berrificio Revertis.

Birre artigianali, street food e musica. Torna con questi sperimentati ingredienti, BeerBen, il più importante appuntamento valtellinese per gli amanti della birra artigianale. Venerdì 6 e sabato 7 settembre, nel centro storico di Berbenno di Valtellina, sarà Beertellina alla regia della quarta edizione della manifestazione che intende promuovere la cultura del bere bene, affiancata dall’Associazione culturale B.Love.

«Sembra trascorso poco tempo da quando ci incontrammo con gli ideatori di BeerBen per scommettere su una proposta capace di andare oltre il solo territorio di Berbenno e ora siamo già giunti alla quarta edizione – afferma il sindaco di Berbenno di Valtellina, Valerio Fumasoni –. In questi anni, BeerBen è stato un contenitore di eventi, capace di proporre degustazioni di ottima birra artigianale, street food e, grazie a B.Love, anche musica di qualità. Numerose le novità con cui è stata arricchita ogni edizione e che quest’anno riguarderanno nuove proposte di street food, la mostra di foto storiche nella cappella Noghera - Bianchini, l’apertura delle corti storiche grazie alle famiglie Marchionni, Achilli, Motta e Manzocchi. A loro va un doveroso ringraziamento, come pure alla Provincia di Sondrio, alla Comunità montana valtellina di Sondrio e al Bim dell’Adda per il patrocinio e i contributi concessi alla manifestazione».

Dopo l’esordio nel 2016 e la seconda edizione l’anno seguente, dal 2018 BeerBen è organizzato da Beertellina, associazione che ha per scopo il coordinamento, la tutela, la promozione, la salvaguardia e la rappresentanza collettiva dei piccoli birrifici Indipendenti della Provincia di Sondrio. «Beertellina – spiega il presidente, Simone Bracchi, uno degli ideatori di BeerBen assieme a Cesare Salinetti –, lo scorso anno è nata anche per organizzare eventi come BeerBen e per diffondere la cultura del bere bene. Per questo, dalla scorsa edizione della manifestazione, abbiamo pensato di non proporre la presenza di soli birrifici valtellinesi. Questo è anche un segno di umiltà e responsabilità da parte dei produttori locali, che condividono l’idea di diffondere la cultura del bere bene, che non può quindi limitarsi alle birre valtellinesi. Va peraltro ricordato che lo scorso maggio, in collaborazione con la Pro loco di Sondrio, abbiamo proposto Beer’n gir, un evento dedicato proprio alle birre locali. La manifestazione, che è una sorta di contraltare a BeerBen, si è svolta a Sondrio, in piazza Garibaldi, e intendiamo ripeterla anche il prossimo anno.».

BeerBen, comunque, gli undici birrifici associati a Beertellina (1212 di Aprica, 1816 La Birra di Livigno, De La Tour di Tirano, Kanuf di Chiuro, Legnone di Dubino, Molthoney di Villa di Tirano, Pintalpina di Chiuro, Revertis di Caiolo, Selvadega di Colorina, Tilium di Sondrio e Valtellinese di Berbenno) non mancheranno: ciascuno proporrà il miglior prodotto di quest’anno in una delle due postazioni allestite in piazza del Municipio e nei pressi del monumento ai Caduti. Lungo le vie Roma e Garibaldi – illuminate con luci che creeranno un’atmosfera particolare –, oltre che nelle corti storiche, invece, sarà possibile degustare le diverse birre – in totale circa cinquanta – di sei birrifici provenienti da fuori provincia: 50&50 di Varese, Menaresta di Lissone (MB), Diciottozerouno di Oleggio Castello (NO), Green Dog Brewery di Lugagnano Val d’Arda (PC), Menaresta di Carate Brianza (MB) e The Wall di Venegono Inferiore (VA). «Abbiamo scelto – precisa Simone Bracchi – produttori mediamente piccoli, perché è spesso lì che si nasconde la qualità. Lo sanno bene i nostri birrifici valtellinesi coi quali abbiamo condiviso le scelte».

20190827 BeerBen Foto 4-2

Chi vorrà partecipare a BeerBen potrà raggiungere il centro storico di Berbenno da piazza del Municipio o da via Adua, dove saranno collocate due casse per l’acquisto del bicchiere da degustazione. Al prezzo di 5 euro sarà possibile avere una pinta americana in vetro da due decilitri, la tracollina in cui infilarla, la mappa dell’evento e un gettone. A BeerBen, infatti, non circolerà denaro contante, ma una moneta virtuale del valore di 1,50 euro. Le degustazioni di birra avranno il costo di due gettoni, mentre le proposte dello street food avranno un costo variabile a seconda dei piatti che si vorranno provare. A partire dalle gradite conferme degli sciatt di Mastersciatt e dei pizzoccheri dell’Accademia di Teglio.

«In cucina si cimenteranno – riferisce Simone Bracchi – anche gli amici di B.Love, che proporranno un hamburger valtellinese con pane artigianale, salsiccia, formaggio casera, bacon e verdure. Con piacere abbiamo accolto poi la proposta del Corpo bandistico di Berbenno, che oltre a proporre pezzi del proprio repertorio, offrirà polenta e cotechino. In un’ottica di valorizzazione delle imprese del territorio, abbiamo coinvolto anche il ristorante Wu Sushi, che proporrà alcune specialità nella corte Manzocchi. Infine, saranno gli stessi associati di Beertellina ad impegnarsi in cucina, proponendo, grazie al Birrificio Valtellinese, arrosticini, mac (una sorta di taròz tipici di Berbenno) e patatine fritte, oltre che i dolci. Grazie a Lorenzo Moltoni dell’omonima Mieleria, proporremo birramisù, babà con una bagna a base di birra e biscottoni con mais rosso e luppolo».

20190827 BeerBen Foto 2-2

Tutte le proposte di street food saranno servite in piatti e con posate biodegradabili. «Abbiamo pensato – aggiunge il Presidente di Beertellina – ad un evento senza plastica, per un principio etico e di ecosostenibilità. Anche la birra sarà servita unicamente in bicchieri in vetro, una scelta che permette di esaltarne poi le caratteristiche».

Ad accompagnare birra e cibo non mancherà la musica. «Nella piazza del monumento ai Caduti, sia venerdì che sabato, a partire dalle 19.30, si esibiranno dei duo valtellinesi: il primo giorno i The Snookers e il secondo i The Jive Talk – riferisce Filippo Della Fonte, vice presidente dell’Associazione B.Love –. Si tratta di due proposte pensate per i più giovani, mentre in piazza del Municipio ci sarà musica adatta ad ogni genere di pubblico: si comincerà venerdì alle 22.30 con il rock’n roll dei Boogie Airlines, mentre sabato, dalle 22, si esibiranno gli Skassapanka, gruppo ska punk, poi seguiti da un dj set a partire dalla mezzanotte. Più da intenditori, invece, la proposta che sarà presentata venerdì sera nella corte Marchionni con il jazz del Mario Mariotti Trio a partire dalle 21.30. Sarà un tributo a Miles Devis nel sessantesimo anniversario di pubblicazione di Kind Of Blue, il suo album più famoso».

20190827 BeerBen Foto 3-2

Nelle scorse edizioni di BeerBen è stato venduto un numero variabile di bicchieri tra i 1.200 e 1.500. «Questo è il dato reale di quanti hanno degustato birra – precisa Simone Bracchi –, ma le presenze complessive sono state molto più ampie, se consideriamo anche le famiglie con bambini. Per loro, quest’anno, sarà allestita una grande area gonfiabili in piazza del Mercato».

Da segnalare anche la presenza dell’Associazione sportiva Movida, che oltre ad aiutare per la gestione delle casse, proporrà delle esibizioni di atleti lungo le vie del centro storico, dove BeerBen si svolgerà in caso di bel tempo. Se il meteo dovesse guastare i programmi, «è comunque pronto un piano alternativo – assicura il presidente di Beertellina –: grazie alla disponibilità dell’Amministrazione comunale, avremo a disposizione la palestre delle scuole medie e il cortile esterno, che sarà attrezzato con tensostrutture».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • La neve continua a scendere a Livigno, Passo della Forcola chiuso definitivamente per l'inverno

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

Torna su
SondrioToday è in caricamento