Aree da rigenerare: sono 35 in provincia di Sondrio

L'assessore regionale al Territorio Pietro Foroni: «Se vogliamo preservare la Lombardia dal consumo di suolo dobbiamo investire nel recupero dell'esistente, sia esso un immobile abbandonato o un'area dismessa o da bonificare»

In provincia di Sondrio ci sono 35 aree dismesse, da recuperare o in via di recupero, tra siti industriali, artigianali, zootecnici, commerciali e ricettivi abbandonati. Si tratta di aree classificate, secondo il più recente censimento e monitoraggio regionale, come 'Aree della rigenerazione', circa 1000 in tutta la Lombardia. Il loro recupero è oggi in cima all'agenda dell'assessorato regionale al Territorio e Protezione civile guidato da Pietro Foroni, che si propone di arrivare all'azzeramento totale del consumo di suolo nei prossimi anni.

Nello specifico in Valtellina e Valchiavenna i omuni interessati dalla rigenerazione sono Sondrio, Teglio, Torre di Santa Maria, Chiavenna, Mazzo di Valtellina, Prata Camportaccio, Sondalo, Ardenno, Grosio, Civio e Valdidentro.

«Quello della rigenerazione - ha spiegato l'assessore Foroni - è un tema fondamentale per la legislazione regionale, una sfida che non è solo urbanistica ed edile, ma interseca molteplici altre finalità». E su cui Regione Lombardia, in collaborazione con le Camere di Commercio di Milano- Monza Brianza- Lodi, Como, Lecco, Mantova e Varese, ha dato avvio ad un ciclo di incontri dedicato a tecnici e portatori d'interesse, che è partito ieri da Milano e continuerà, tra aprile e giugno, in altre 4 città lombarde: Lecco (17 aprile), Varese (8 maggio), Como (5 giugno) e Mantova 25 giugno).

«Se vogliamo preservare la Lombardia dal consumo di suolo - ha continuato Foroni - dobbiamo investire nel recupero dell'esistente, sia esso un immobile abbandonato o un'area dismessa o da bonificare. Recuperare edifici fatiscenti serve a rendere più belle, vivibili e sicure le nostre città, ma anche a sottrarre spazio al degrado e alla criminalità».

La legge contro il consumo di suolo e l'adeguamento del piano territoriale regionale sono stati i primi due step. Il prossimo sarà la legge sulla rigenerazione urbana, pronta entro l'estate, le cui linee guida sono già state presentate in Commissione consiliare Territorio e Infrastrutture, con l'obiettivo di portare avanti un percorso il più condiviso possibile.

«Recuperare l'esistente deve diventare più conveniente che costruire il nuovo - ha sottolineato l'assessore -. L'obiettivo è quindi invertire la tendenza. Una parte della legge sarà immediatamente precettiva, poi cercheremo di tarare misure e incentivi sulla base delle necessità dei singoli territori. Cogliere le differenze e usare elasticità, accogliendo le indicazioni che ci arrivano dagli enti locali, sarà, in questo senso, fondamentale». 

«Per le bonifiche occorrerà cercare di attutire i costi con diverse leve, prevedendo ad esempio altri oneri compensativi, e poi aprire un dialogo con il Ministero allo scopo di fare della Lombardia una regione pilota. Ultimo, ma non meno importante, - ha concluso - sarà il contributo di Regione Lombardia che, da parte sua, stanzierà risorse da mettere a disposizione degli Enti locali per affrontare insieme la grande partita che ci aspetta». 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale a Castione Andevenno: scontro tra due auto e un furgone

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Esce di strada con l'auto, rocambolesco incidente a Castello dell'Acqua

  • Coscritti di Chiavenna esagerati: caos fuori da scuola, 16enne in ospedale

  • Ecco il nuovo piano della sanità provinciale: Sondrio fulcro della rete di ospedali sul territorio

  • Gordona, tragedia nei boschi: muore 83enne

Torna su
SondrioToday è in caricamento