Il Passo Gavia è riaperto ma sembra un fiume

Il Giro d'Italia doveva passare il 28 maggio ma la neve non ne ha permesso il passaggio. Dopo la copiosa pioggia delle ultime giornate, venerdì 14 giugno sono stati riaperti entrambi i versanti

Ha finalmente riaperto al transito veicolare il Passo Gavia, con buona pace di chi voleva farci passare la tappa, già programmata, del Giro d'Italia. Frese e spazzaneve hanno lavorato incessantemente per aprire un passaggio tra due muri di ghiaccio alti anche più di dieci metri. Il sole ed il caldo hanno fatto il resto, sciogliendo poco a poco la neve, che si è riversata sulla strada sottoforma di acqua.

Acqua disciolta a cui si è aggiunta la copiosa pioggia che, soprattutto nella giornata di mercoledì 12 giugno, ha letteralmente inondato le Alpi e Prealpi valtellinesi.

Guarda lo spettacolare video su TrentoToday

La foto del ciclista immerso in questo paesaggio da banchisa polare, ha fatto il giro del web. In comune accordo le Province di Sondrio e Brescia, da venerdì mattina, hanno aperto la strada che conduce al Passo del Gavia su entrambi i versanti.

«Dopo le difficoltà causate dalle precipitazioni nevose dello scorso mese di maggio - ha dichiarato il presidente della provincia di Sondrio Elio Moretti - finalmente siamo riusciti a terminare gli interventi per la riapertura della strada provinciale. Tante le energie impiegate per giungere alla riapertura del passo.  Le condizioni meteo della tarda primavera sono state eccezionali e hanno reso più complesse le operazioni di apertura per ragioni di sicurezza».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Incidente sulla statale a Castione Andevenno: scontro tra due auto e un furgone

  • Giardini del centro proibiti e acqua per pulire l'urina: nuove regole a Sondrio per i proprietari dei cani

  • Esce di strada con l'auto, rocambolesco incidente a Castello dell'Acqua

  • Coscritti di Chiavenna esagerati: caos fuori da scuola, 16enne in ospedale

  • Ecco il nuovo piano della sanità provinciale: Sondrio fulcro della rete di ospedali sul territorio

Torna su
SondrioToday è in caricamento