Dopo il maltempo di giugno Coldiretti chiede aiuto a Regione e Provincia

Si è chiesto un risarcimento visto che molti associati hanno sospeso la loro produzione agricola

Si è tenuto nella giornata di ieri il tavolo richiesto da Coldiretti in merito ai danni subiti dalle aziende agricole della bassa Valtellina a seguito degli eventi alluvionali dello scorso 12 giugno. Presenti all’incontro, oltre al Presidente della Provincia Elio Moretti e l’Assessore regionale agli enti locali, montagna e piccoli comuni Massimo Sertori, che hanno ospitato a Palazzo Muzio i soggetti interessati, i vertici di Coldiretti e gli amministratori dei Comuni di Andalo Valtellino, Delebio e Piantedo.

Al tavolo Coldiretti ha portato la richiesta per il risarcimento dei danni subiti da parte dei propri associati per la mancata produzione agricola a seguito degli eventi dello scorso mese di giugno. Le aziende si trovano infatti nell’impossibilità di riprendere la coltivazione dei fondi in quanto sugli stessi è ancora presente materiale trasportato dall’acqua e depositato.

Provincia e Regione hanno fatto il punto della situazione. In particolare, l’assessore Sertori ha sottolineato agli amministratori comunali la tempestività di attivazione e di intervento dal punto di vista idrogeologico nei giorni immediatamente successivi agli eventi. In questo settore sono state appostate risorse da utilizzare per far fronte alle situazioni di pronto intervento e di somma urgenza. Quanto messo in campo ha dato buoni risultati.

Per quanto riguarda l’attuale richiesta, non essendo possibile attingere ai fondi dedicati alle calamità poichè la tipologia di danno subito non rientra fra quelle ammissibili, le istituzioni si sono impegnate ad attivarsi per verificare la possibilità di reperimento delle risorse attraverso canali alternativi.

«L’incontro è stato proficuo per mettere a fuoco una situazione importante e delicata. La condivisione delle problematiche e il confronto tra istituzioni e territorio sono di primaria importanza. Siamo consapevoli delle difficoltà degli imprenditori agricoli quando si verificano fatti di questo genere. L’impegno nostro è quello di fare il possibile per soddisfare le esigenze rappresentate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con le pelli di foca sulla pista battuta: 15 sciatori fermati e multati

  • Autovelox mobili in Lombardia: ecco dove questa settimana

  • Perde il controllo degli sci e sbatte contro le reti di protezioni, gravissimo 12enne a Teglio

  • Tirano: Gruppo Maganetti diventa B Corp, è la prima società di logistica in Europa

  • Spinelli sugli sci: controlli in Val Gerola

  • Battesimo ortodosso a Madesimo: in ottanta in acqua nonostante il freddo

Torna su
SondrioToday è in caricamento