“Aggiungi il mondo a tavola”, la festa per conoscere un amico in più

Sabato 15 giugno, in piazza Garibaldi a Sondrio, è in programma la manifestazione interculturale inserita nel progetto Nettaly, tra cibo senegalese, sfilate di abiti colorati, musica e tanto altro. Gli organizzatori: «Cerchiamo l’interazione reciproca, in allegria. Insieme ci si può divertire»

La piazza da sempre è il luogo dell’incontro e della conoscenza, lo sappiamo bene. Quale miglior luogo allora, se non una piazza, per far incontrare, conoscere e divertire tante persone che, seppur provenienti da diverse parti del mondo, sono accomunate da un fattore fondamentale nella loro esistenza, il vivere oggi in Valtellina.

Nasce così la festa interculturale “Aggiungi il mondo a tavola”, in programma sabato 15 giugno in piazza Garibaldi a Sondrio, a partire dalle ore 16, tra interazione e divertimento. Organizzata all’interno del progetto di inclusione e formazione dei migranti “Nettaly” (in senegalese vuol dire “raccontare”), la festa nasce dalla collaborazione di diverse realtà associative e del Terzo Settore della Provincia di Sondrio, su tutte “SENegal PROgresso RESponsabilità”, Anolf” (Associazione Nazionale Oltre le Frontiere), “CAV” (Centro di Aiuto alla Vita) di Sondrio, Dukorere Hamwe e Rete Restiamo Umani Valtellina e Valchiavenna. 

I commenti

«Questa festa, proprio come il progetto Nettaly, nasce dall’incontro di diverse realtà che già operano in provincia di Sondrio e che, incontrandosi, hanno trovato molto terreno fertile comune. Con questa festa vogliamo che le persone si incontrino, si conoscano e si possano divertire insieme. Non cerchiamo l’integrazione ma l’interazione reciproca, nel rispetto di ognuno, in allegria» ha spiegato Nicola Curtoni, responsabile del progetto Nettaly.

Sulla stessa linea di pensiero Marina Salacrist, in rappresentanza della rete spontanea di cittadini “Restiamo Umani”: «Vogliamo dimostrare che l’incontro è possibile anche tra persone che hanno aspirazioni diverse poichè siamo pur sempre tutti umani. Noi lavoriamo per rompere le barriere. Siamo molto contenti di partecipare a “Aggiungi il mondo a tavola” perché ci permette di vedere i nostri desideri di umanità sostenuti dall’incontro in piazza».

«Come associazione SenProRes ogni anno facciamo una festa che riunisce centinaia di persone, tra senegalesi ed altri amici. Abbiamo deciso di non organizzarla per mettere tutto il nostro impegno per “Aggiungi il mondo a tavola”. Ci sembra l’occasione giusta per valorizzare l’Incontro tra stranieri e italiani; per questo invito i miei compaesani senegalesi a venire in piazza Garibaldi con noi, per rinforzare i rapporti e per vivere meglio» ha aggiunto Ndiaye Mbaye, vicepresidente di SenProRes. 

«Nonostante il clima attuale e l’immaginario che i social network di questi tempi hanno costruito, la convivenza reale, di tutti i giorni, ci dice che si può stare insieme senza problemi, come anche lavorare. Sarà una bellissima festa all’interno della comunità di Sondrio la quale ha sempre risposto “presente” a questo genere d’iniziative» hanno commentato i presidenti di Anolf, Chiara Casello e Cheikh Mbake Lo.

Il programma

“Aggiungi il mondo a tavola” prenderà il via con i laboratori artistici per grandi e piccini, a cura del Servizio integrazione migranti e del gruppo “Arte Libera” con tatuaggi, henné, trucca bimbi, disegni, assaggi di tè. Contemporaneamente anche il laboratorio, curato dal circolo Arci “Il Contatto” intitolato “Dal contatto umano al contatto con la natura: riscoprire l’armonia con il pianeta” e l’inaugurazione della mostra fotografica “MigrAlpi”, nata da una serie di autoscatti realizzati dai migranti che vivono in provincia di Sondrio.

Alle 17 appuntamento con “RaccontiAmo storie: vengo da..e mi racconto” con una ventina di libri sul tema della migrazione e del viaggio, a cura dell’associazione Spartiacque e degli Amici della Biblioteca di Sondrio.

Alle 18 sarà possibile viaggiare e divertirsi con un vestito e con un sorriso, provando ed indossando alcuni abiti etnici da tutto il mondo. A quell’ora, l’happy hour, l’associazione “A dança da vida” offrirà un aperitivo brasiliano.

Seguirà uno spettacolo teatrale interculturale, curato da Loredana Piacentino. Ad andare in scena solo attrici che, dopo mesi di prove presso il Centro di Aiuto alla Vita, «metteranno in scena uno spettacolo di Teatro incontro, frutto di un’esperienza assolutamente positiva, nata da un confronto tra donne provenienti da diverse parti del mondo» come ha spiegato la presidente del CAV, Miranda Piani.

L’appuntamento clou è però fissato per le 19,30 ed è quello con la cena multietnica che avrà luogo sotto il tendone della Pro loco di Sondrio. In cucina le cuoche di SenProRes, un’affiatata squadra di donne senegalesi, abituata a cucinare per “plotoni affamati”. A spiccare nel menù senegalese, il tipico ceebu ganar, piatto unico di riso, pollo e verdure come spiegato dalla responsabile di cucina Angela Sarr Fatou. Ci sarà anche la possibilità di gustare anche specialità valtellinesi (a cura della Pro Loco), il tutto accompagnato dalle birre locali di “PintAlpina” ed i dolci etnici preparati dalle volontarie del Centro di Aiuto alla Vita.

La serata proseguirà poi con un’animazione a sorpresa, prevista per le ore 21, ed il concerto del gruppo di danza e musica africana “Les amis d’Afrique”.

La serata ha il patrocinio del Comune di Sondrio e parte del ricavato di tutta la giornata sarà devoluto al progetto “Salviamo Nadine”. È possibile prenotare la propria partecipazione alla cena inviando una mail a progettonettaly@gmail.com.

61754580_2206768546096920_950182156129271808_o-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

  • Qualità della vita, Sondrio terza in Italia e prima in Lombardia

Torna su
SondrioToday è in caricamento